TESTIMONIANZE
   
 

Il desiderio di qualcosa di più

Sono partito senza sapere

 

 

Se si guarda la carta geografica sembra di scivolare giù in un viaggio di dieci ore in verticale, da Nord a Sud, oltre il deserto oltre l'equatore, oltre la civiltà !!!!!! Quale? La nostra?

Non immaginavo così Chirundu, non immaginavo così una missione, un ospedale e la gente che ci lavora, un orfanatrofio e chi, in esso vive e abita.


 

Sono partito senza sapere di preciso cosa cercavo e cosa avrei trovato.
Avvertivo il bisogno, il desiderio di conoscere, di comprendere cosa muove chi passa una vita in questi luoghi per aiutare gli altri.

Tutto è iniziato più di un anno fa, leggendo un articolo pubblicato su "IN- Besta" , scritto da chi era stato lì prima di me: questo era tutto quello che sapevo di Chirundu.

E' stato un'esperienza non ancora conclusa, una ricchezza ricevuta che mi alimenta giorno dopo giorno, perché Chirundu non finisce lì ... con il giorno della partenza, ma si riflette, rimane ancora per molto tempo.

Quanti ho conosciuto, quello che ho fatto, quello che ho detto, ascoltato e ricevuto, nelle molteplici mansioni svolte, sono e continuano ad essere nella mia vita di tutti i giorni, anche qui e ora.

Grazie a chi mi ha dato la possibilità di sperimentare tutto questo, di arricchire la mia anima con questa esperienza. Sono tanti. GRAZIE.


Enrico Viani, Operatore socio sanitario Istituto BESTA
A Chirundu dal 16 ottobre al 17 novembre 2011

 

 




web site official: www.suoredimariabambina.org