TESTIMONIANZE
 
 

Frammenti di una bellezza più grande

Convegno giovani

Un grazie di cuore da parte di tutta l'équipe a voi ... che da ogni parte dell'Italia e del mondo ci avete raggiunte con la vostra promessa di preghiera e avete sostenuto le gionate di convegno dei giovani a Lovere con l'intercessione e l'offerta. Abbiamo visto il Signore all'opera e nella disponibilità aperta e gioiosa dei giovani presenti e nel dono che molti hanno riversato in quelle giornate con il loro contributo. Condividiamo con voi qualche piccolo stralcio dalle risonanze ricevute.



Cosa ci ha spinti lì? Cosa ci ha fatti restare lì? Ma, soprattutto, a che cosa è dovuta la 'nostalgia' con cui oggi, in molti, ricordiamo quegli attimi felici trascorsi insieme?
La risposta risiede nella bellezza che si è manifestata nell'amore nato tra noi partecipanti. Si tratta di un amore/riverbero dell'amore autentico: anche se è un riflesso, sa brillare con forte intensità.

Marco







Il mio grazie va a tutti e a ciascuno, perché ho visto volti, sguardi, sorrisi, ho sentito voci, parole, suoni che sono stati tutti frammenti della bellezza più grande. Quella di Dio.

Il convegno continua a vivere e a risuonare dentro di me, mi permette di vedere nelle piccole e grandi cose quotidiane la presenza di Gesù, che non si stanca mai di venire a me, anche quando sono distratto per riconoscerlo.

Alessandro



 

Quello della bellezza è un tema a me molto caro. Per anni ho ricercato il bello esteriore, ho disprezzato me stessa, cercando di modificarmi per poter piacere agli altri. Ho ritrovato nelle parole di don Luciano cose che mi appartenevano, che parlavano della mia esperienza di guarigione. Sono stata anch'io contagiata dalla bellezza pura trasmessami da persone che, a differenza di me, avevano la luce dentro, una luce che proveniva da Dio.
I momenti di meditazione mi hanno aiutata a mettere un po' di ordine, a riscoprire la grazia ricevuta negli ultimi anni, ma anche i doni per i quali non sempre ho ringraziato, dandoli per scontati.

Lo stare davanti al Crocifisso di San Damiano è stato bellissimo. Lui guardava me, quei suoi grandi occhi scrutavano la mia anima e scardinavano ogni cosa.

Dalle testimonianze, poi, che immensa ricchezza gratuita ho ricevuto! Padre Giuseppe mi ha lasciato il senso di una grande umanità e sensibilità, ma anche di una vita che, per quanto bella, non può rimanere senza dolori. Non c'è stato idealismo, si è parlato di una vita reale, concreta, degna di essere vissuta anche nei momenti più tristi e che sembrano senza soluzione.

Che dire poi di suor Anna Nobili? Ascoltarla, vederla ballare, parlarle, anche se per pochi minuti, è stata una cosa che mi porterò nel cuore tutta la vita. Di fronte a tale bellezza come si può non lodare Dio?

E, per terminare, i momenti di condivisione, di laboratorio, di gioco, di festa. Tutto è stato degno di essere vissuto.

Ora c'è tanto lavoro da fare perché possa diventare costruttrice di bellezza, partendo da me per arrivare agli altri. Non penso sarà semplice, ma ogni giorno si può mettere un mattoncino e si può chiedere al Signore la forza e la motivazione.

Alessandra

A tutti chiediamo di accompagnare ancora con la preghiera il macerare e il crescere di questi semi di vita.

le suore di "Cascina Mariet" - Sellere
web site official: www.suoredimariabambina.org