Maria, Modello e Madre dei Giovani
Bruno Forte



[...] Maria ci appare già nella scena dell’annunciazione come una “almah”, una giovane aperta al domani in profondo ascolto di Dio e dei Suoi disegni di amore su di lei e sulla famiglia umana.
Alla luce dell’esempio di Maria, vista con gli occhi della fede, si comprende che essere giovani vuol dire anzitutto essere pronti e accoglienti nei confronti delle sorprese del Signore, disponibili ad andare dove Lui vorrà, senza opporre resistenze e ostacoli al Suo progetto sulla propria vita e sulla storia di tutti.
Così è giovane la ragazza Myriam di Nazaret, libera da sé per lasciarsi condurre dallo Spirito di Dio sui sentieri della vita, docile all’opera sorprendente e misteriosa del Signore che sceglie
Lei come grembo del Figlio venuto ad assumere la nostra natura umana, per renderci partecipi della natura divina. Essere liberi da sé come lo è stata Maria non è certamente facile, è anzi possibile solo con l’aiuto della Grazia e se si è compiuta l’opzione fondamentale di voler appartenere in tutto all’Eterno, da cui veniamo, in cui viviamo e siamo, perché si compia in noi la Sua volontà e prendano corpo nella nostra storia i Suoi progetti di salvezza per tutti.
Maria insegna insomma ai giovani a vivere il coraggio della vera libertà, l’apertura incondizionata del proprio cuore alle sorprese dell’Altissimo, la docilità generosa e pronta ad andare dove Lui chiama e a essere quello che Lui domanda e dona.

Maria non è però solo un modello di giovane donna che vive fino in fondo l’audacia della fede: ella è anche la Madre che ha accompagnato il proprio Figlio nella Sua vicenda umana e accompagna sulle vie della vita ognuno di quanti in Lui sono divenuti figli dell’Altissimo, eletti nel Suo amore.
Anzitutto, Maria sa ascoltare: non solo nell’ora dell’annunciazione, ma anche in tutto il cammino della Sua vicenda terrena ella è stata docile e pronta ad accogliere la Parola di Dio. Maria è veramente la donna dello “shemà”, che vive profondamente la spiritualità ebraica dell’ascolto e sa porsi in umile e docile attesa davanti all’Eterno.
La giovane donna di Galilea ascolta Dio e sa ascoltare gli uomini: proprio così, Maria ci chiede di coniugare il costante ascolto del Signore nella preghiera e nella meditazione della Sua parola, all’ascolto attento, discreto, vigile e fedele di coloro che l’Eterno ci affida, soprattutto se giovani.
Ascoltare i giovani senza preconcetti, timori o barriere, offrendo loro riferimenti credibili, essere pronti a dialogare con loro valorizzando tutto il bene presente nel loro cuore, saper imparare dai giovani nell’atto stesso in cui si desidera comunicare loro quanto di più vero e bello abbiamo in noi: questo Maria ci insegna a fare, come Lei ha saputo viverlo col Figlio Suo e lo vive continuamente nel rapporto con ciascuno di noi, che ci affidiamo a Lei.





da: + Bruno Forte Arcivescovo-Metropolita di Chieti-Vasto – “Maria, Modello e Madre dei Giovani" - ottobre 1017




 

 

 

 

 

 

 

AVVENTO: tempo di speranza
Bruno Forte
L’avvento è il tempo della speranza: proprio così è la scuola di cui abbiamo tutti bisogno, di fronte alla tentazione della ...continua

 

AVVENTO:
Riscoprire il pieno significato dell'Avvento

L’Avvento è il nome del cristiano Rivelatore di questa realtà è il modo abituale di comprendere e vivere l’Avvento ...continua

 

3 dicembre: PRIMA DOMENICA DI AVVENTO
Francesco Lambiasi
«A tutti dico: Vegliate!». Sono le ultime parole di Gesù prima della sua passione; non sembra esagerato considerarle il suo ...continua

 

3 dicembre: PRIMA DOMENICA DI AVVENTO
Alessandro Pronzato
Secondo la Chiesa, oggi è capodanno. L'anno liturgico, infatti, si apre con la prima domenica d'Avvento. In tal modo, l'esistenza ...continua

 

8 dicembre:
Solennità Immacolata concezione della Vergine Maria

fr Luca - Dumenza
Un'immagine può costituire un filo unitario per aiutarci a raccogliere, in un unico sguardo, le letture che abbiamo ascoltato ...continua

 

8 dicembre: Solennità Immacolata concezione
Alessandro Pronzato
Tutto si spiega - per quanto è possibile spiegare il mistero – in vista dell'Incarnazione. La Madonna doveva accogliere ...continua

 

10 dicembre: II DOMENICA DI AVVENTO
Francesco Lambiasi
“Quando fummo al Giordano e sedemmo appoggiati ai pietroni della riva, scorsi mescolati tra la folla, ma ben ...continua

 

10 dicembre: SECONDA DOMENICA DI AVVENTO
Alessandro Pronzato
Il vangelo, ossia l'annuncio gioioso, comincia con la predicazione di Giovanni il battezzatore. Quando Dio agisce nella storia ...continua

 

17 dicembre: III DOMENICA DI AVVENTO
Francesco Lambiasi
Lo spunto iniziale per questa riflessione lo potremmo prendere da una breve citazione di sant’Agostino: “Non si conosce ...continua

 

17 dicembre: III DOMENICA DI AVVENTO
Alessandro Pronzato
Ancora in primo piano Giovanni, «uomo mandato da Dio» con il compito specifico di «rendere testimonianza alla luce» ...continua

 

 

PROPOSTE DI MEDITAZIONI  - Desideriamo offrire testi spirituali, che possono essere di aiuto per nutrire la nostra fede e rafforzare la nostra vita in Cristo: sono un'occasione per confrontare la nostra esperienza cristiana con quella di testimoni 'antichi' e contemporanei. I testi sono presi da: Meditazioni per l'anno liturgico. Dagli Autori di tutti i tempi.

Vivere nell'attesa - Dom Guillaume
Maria: Segno di Speranza e di Attesa - Bernhard Häring
Testimonianza silenziosa - Dom Guillaume
Eccomi, sono la serva del Signore - Bernhard Häring
Maria, Modello e Madre dei Giovani - Bruno Forte
Grandi cose ha fatto in me l'Onnipontente - Bernhard Häring

 

 

 

 

sito web ufficiale: www.suoredimariabambina.org