10 dicembre: II DOMENICA DI AVVENTO - Mc 1,1-8
Francesco Lambiasi



CONVERTITEVI!

Raddrizzate le vie del Signore



“Quando fummo al Giordano e sedemmo appoggiati ai pietroni della riva, scorsi mescolati tra la folla , ma ben distinguibili, anche gruppi di farisei e scribi, di sadducei. Avevo sentito dire che erano venuti lì per rendersi conto di quello che stava succedendo e riferire a Gerusalemme. Ora era soltanto curiosità? E se fosse invece qualcosa di più la forte, se lo stesso sgomento possedesse anche loro? «Preparate la via al Signore, raddrizzate i suoi sentieri!». Non gridava Giovanni, ma il silenzio vasto e intimorito si impossessava della sua voce e se ne riempiva fino ad esserne gonfio e straripare. E tutti la sentivamo come un tuono che persiste senza svanire, percorre il cielo senza spegnersi mai, senza angoli remoti in cui sprofondare e tacere. «Colmare il vuoto di valli; i dossi aridi si sciolgano in pianura felici, e il terreno si offra morbido al passo di Colui che viene... Convertitevi e fate penitenza». Scorgevo il suo dorso scoperto bruciato dal sole e la schiena che si piegava perché la mano potesse raggiungere l’acqua che correva ai suoi piedi”. [A parlare così è Andrea, il fratello di Simon Pietro, in una sorta di… quinto vangelo “secondo Andrea” in un romanzo avvincente e assai coinvolgente] (Cominciò in Galilea, di Stefano Jacomuzzi).


1. Torniamo a Giovanni. Tutte le fonti evangeliche ed extra sono concordi nel parlarne come di un profeta, mandato da Dio, a predicare la conversione. Di per sé questo - della conversione - non era un messaggio nuovo in Israele: per il fatto che la via è metafora della vita, l'uomo che cammina allontanandosi da Dio può tornare verso di lui, abbandonando i sentieri traversi dell'errore. La Bibbia conosce lungo tutte le sue pagine questo cambiamento di direzione, che esprime con il verbo shuv, invertire il cammino, tornare indietro. In contesto religioso significa che si volgono le spalle a ciò che è male e ci si rivolge decisamente a Dio.


 

 

 

 

In epoca tarda si è ulteriormente distinto l’aspetto interiore della conversione e gli atti esterni che la esprimono. Perciò la Bibbia greca usa il verbo metanoèin, cambiare mentalità, per dire il mutamento intimo, e il verbo epistrèphein, rivolgersi verso (un altro punto di riferimento), per dire il cambiamento della condotta esterna, del concreto stile di vita. In segno di questa conversione Giovanni conferiva un battesimo di acqua, come preparazione dei penitenti al battesimo di fuoco e di Spirito Santo che avrebbe conferito il Messia.


«Convertitevi!», proclama Giovanni. Ma per chi suona la campana? Non certo per noi - si direbbe - che ci diciamo credenti e praticanti: e perché mai dovremmo convertirci? Ci sentiamo così a posto, così “fedeli”: siamo o no cristiani perbene, cattolici devoti e dichiarati? Da tempo abbiamo regolato - o non abbiamo mai dovuto regolare - i conti con le tentazioni della massa: edonismo, consumismo, disonestà e corruzione...
E però è proprio vero che non abbiamo bisogno di conversione?
Nel Nuovo Testamento si parla di (prima) conversione per indicare il passaggio dall'incredulità e dall'idolatria alla fede; e questa precede il battesimo. Ma il cammino della vita cristiana non finisce con il battesimo; anche i battezzati possono cadere nel torpore spirituale, e quindi hanno bisogno di una seconda conversione o conversione permanente, come continuo passaggio dalla
oligopistìa o pochezza di fede – noi diremmo da una fede gracile – a una fede sempre più adulta e matura.

2. Proviamo allora a scorrere questo elenco di situazioni, che si possono indicare ognuna con una parola sintetica: non c’è bisogno di autosuggestionarci per ritrovarci in tutti o in parte di questi “ismi”.

Attivismo: abbiamo ridotto la vita cristiana a cose da fare, attività da organizzare. È la tentazione della Chiesa di Efeso, secondo l'Apocalisse, alla quale Colui che tiene le sette stelle nella sua destra contesta: «Conosco le tue opere...Ho però da rimproverarti che hai abbandonato il tuo amore di un tempo» (Ap 2,2.4; Mt 24,12). "Convertitevi", ci grida Giovanni. Un’azione senza contemplazione è come un corpo senza anima: un cadavere in rapida, irreversibile putrefazione.

Protagonismo: la differenza tra un testimone di fede, come il Battista, e un cristiano affetto da sindrome di protagonismo, è che il primo è un indice puntato sul Maestro, il secondo punta l’indice su di sé. "Convertitevi", insiste Giovanni: perché il successo umano - anche nelle cose di Dio - non è uno dei nomi di Dio.

Narcisismo: bramiamo che si e parli continuamente di noi e troppo facilmente tolleriamo che si confonda il tema della “presenza di Dio” nella vita delle creature umane con quello della “presenza dei cristiani” nelle istituzioni pubbliche. “convertitevi”, ripete Giovanni: una Chiesa fedele al suo Signore crocifisso si preoccupa più di quello che di lei dicono i poveri rispetto a quanto dicono i giornali.

Ritualismo: la conversione non si può ridurre né a una preghiera in più né a un digiuno una tantum
O un pellegrinaggio extra, perché niente è così facile come la convivenza tra il rito e una vita che poi resta tale e quale. “Covertitevi”, incalza Giovanni; perché se il cuore non arde, la lingua batte invano: è inutile dire “Signore, Signore…”…

Laicismo, il clone rovesciato del clericalismo: assegna Dio ai preti e il mondo ai laici, dimenticando che a un Dio senza mondo corrisponde fatalmente un mondo senza Dio. “Convertitevi”, grida ancora Giovanni: non si può parlare di Dio al mondo e del mondo a Dio, senza prima ascoltare quello che Dio ha da dire al mondo e alla sua Chiesa, perché ami il mondo come lo ha amato lui.

Stringi, stringi, la conversione non è questione di testa: è questione di piedi... è mettere i nostri piedi sulle orme del Signore e camminargli dietro: decisamente, fedelmente, ostinatamente. Ed è perciò questione di cuore: amare ad oltranza, oggi più di ieri, domani più di oggi.

"Vieni, Signore Gesù! Vieni con la tua misericordia a raddrizzare i nostri cammini tortuosi.
Vieni con la tua umiltà ad abbassare le altezze del nostro orgoglio.
Vieni con la tua presenza a colmare gli abissi del nostro peccato. Vieni, Signore Gesù!"
.

 


____________________________

altri sussidi per avvento:

1 - 2 - 3

__________________



da: Francesco Lambiasi “STUPITI DAL MISTERO” Riflessioni sul vangelo Anno B

Il Ponte edizioni – Via F.lli Cairoli, 69 – 47923 Rimini – anno 2011 - pp 12-15


 

 

 

 

 

AVVENTO: tempo di speranza
Bruno Forte
L’avvento è il tempo della speranza: proprio così è la scuola di cui abbiamo tutti bisogno, di fronte alla tentazione della ...continua

 

AVVENTO:
Riscoprire il pieno significato dell'Avvento

L’Avvento è il nome del cristiano Rivelatore di questa realtà è il modo abituale di comprendere e vivere l’Avvento ...continua

 

3 dicembre: PRIMA DOMENICA DI AVVENTO
Francesco Lambiasi
«A tutti dico: Vegliate!». Sono le ultime parole di Gesù prima della sua passione; non sembra esagerato considerarle il suo ...continua

 

3 dicembre: PRIMA DOMENICA DI AVVENTO
Alessandro Pronzato
Secondo la Chiesa, oggi è capodanno. L'anno liturgico, infatti, si apre con la prima domenica d'Avvento. In tal modo, l'esistenza ...continua

 

8 dicembre:
Solennità Immacolata concezione della Vergine Maria

fr Luca - Dumenza
Un'immagine può costituire un filo unitario per aiutarci a raccogliere, in un unico sguardo, le letture che abbiamo ascoltato ...continua

 

8 dicembre: Solennità Immacolata concezione
Alessandro Pronzato
Tutto si spiega - per quanto è possibile spiegare il mistero – in vista dell'Incarnazione. La Madonna doveva accogliere ...continua

 

10 dicembre: II DOMENICA DI AVVENTO
Francesco Lambiasi
“Quando fummo al Giordano e sedemmo appoggiati ai pietroni della riva, scorsi mescolati tra la folla, ma ben ...continua

 

10 dicembre: SECONDA DOMENICA DI AVVENTO
Alessandro Pronzato
Il vangelo, ossia l'annuncio gioioso, comincia con la predicazione di Giovanni il battezzatore. Quando Dio agisce nella storia ...continua

 

17 dicembre: III DOMENICA DI AVVENTO
Francesco Lambiasi
Lo spunto iniziale per questa riflessione lo potremmo prendere da una breve citazione di sant’Agostino: “Non si conosce ...continua

 

17 dicembre: III DOMENICA DI AVVENTO
Alessandro Pronzato
Ancora in primo piano Giovanni, «uomo mandato da Dio» con il compito specifico di «rendere testimonianza alla luce» ...continua

 

 

PROPOSTE DI MEDITAZIONI  - Desideriamo offrire testi spirituali, che possono essere di aiuto per nutrire la nostra fede e rafforzare la nostra vita in Cristo: sono un'occasione per confrontare la nostra esperienza cristiana con quella di testimoni 'antichi' e contemporanei. I testi sono presi da: Meditazioni per l'anno liturgico. Dagli Autori di tutti i tempi.

Vivere nell'attesa - Dom Guillaume
Maria: Segno di Speranza e di Attesa - Bernhard Häring
Testimonianza silenziosa - Dom Guillaume
Eccomi, sono la serva del Signore - Bernhard Häring
Maria, Modello e Madre dei Giovani - Bruno Forte
Grandi cose ha fatto in me l'Onnipontente - Bernhard Häring

 

 

 

 

sito web ufficiale: www.suoredimariabambina.org