12 marzo: SECONDA DOMENICA DI QUARESIMA
Centro Diocesano Vocazioni Seminario Vescovile di Patti


Gen 12,1-4a; Sal 32; 2Tm 1,8b-10; Mt 17,1-9


LA PAROLA DEL SIGNORE

…è ascoltata


In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni suo fratello e li condusse in disparte, su un alto monte. E fu trasfigurato davanti a loro: il suo volto brillò come il sole e le sue vesti divennero candide come la luce. Ed ecco, apparvero loro Mosè ed Elia, che conversavano con lui. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Signore, è bello per noi essere qui! Se vuoi, farò qui tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Egli stava ancora parlando, quando una nube luminosa li coprì con la sua ombra. Ed ecco una voce dalla nube che diceva: «Questi è il Figlio mio, l’amato: in lui ho posto il mio compiacimento. Ascoltatelo». All’udire ciò, i discepoli caddero con la faccia a terra e furono presi da grande timore. Ma Gesù si avvicinò, li toccò e disse: «Alzatevi e non temete». Alzando gli occhi non videro nessuno, se non Gesù solo. Mentre scendevano dal monte, Gesù ordinò loro: «Non parlate a nessuno di questa visione, prima che il Figlio dell’uomo non sia risorto dai morti».


  Ed ecco una voce dalla nube che diceva:
«Questi è il Figlio mio, l’amato: in lui ho posto il mio compiacimento. Ascoltatelo».
All’udire ciò, i discepoli caddero con la faccia a terra e furono presi da grande timore.
Ma Gesù si avvicinò, li toccò e disse:
«Alzatevi e non temete».
Alzando gli occhi non videro nessuno, se non Gesù solo. Mentre scendevano dal monte, Gesù ordinò loro: «Non parlate a nessuno di questa visione, prima che il Figlio dell’uomo non sia risorto dai morti».



…è meditata


La vita cristiana è vocazione, chiamata ad ascoltare Gesù, quale parola di Dio vivente: “Questi è il Figlio mio, l’amato: in Lui ho posto il mio compiacimento. Ascoltatelo”.

In verità, anche Gesù è chiamato dal Padre per andare verso Gerusalemme, verso la passione: in questo contesto si pone l’evento della Trasfigurazione, che alcuni denominano “metamorfosi del Figlio”.
Essa non è soltanto una rivelazione dell’identità del Figlio, ma anche dell’identità del discepolo e del suo cammino alla sequela di Cristo. Vi invito a sostare con me nel riflettere su questo bellissimo evento.
Ed è interessante notare che dopo l’episodio della Trasfigurazione, Matteo collochi il secondo annunzio della passione come se la trasfigurazione fosse un diamante luminoso incastonato fra due oscuri annunci. Gesù prese con sé chi aveva con sé quando aveva risuscitato la figlia di Giairo: Pietro, Giacomo e Giovanni, e che vorrà con sé nell’orto del Getsemani e “li condusse in disparte su un alto monte”.

Il monte nella Bibbia è il luogo delle epifanie di Dio, in quanto spazio dove il cielo tocca la terra e la terra si innalza fino al cielo: “E fu trasfigurato davanti a loro”. Lo stupore di Pietro: “Che bello qui!
Non andiamo via…”, ci fa capire la nostra vocazione. Siamo chiamati tutti a trasfigurazione, a ricevere un cuore di luce.
“Contemplando il Signore, veniamo trasformati in quella stessa immagine” (2 Cor 3,17-18).

Contemplare trasforma; tu diventi ciò che guardi con gli occhi del cuore. Pregare ci trasfigura in immagine del Signore. L’entusiasmo di Pietro ci fa capire, inoltre capire che la fede per essere forte e viva deve discendere da uno stupore, da un innamoramento, da un “che bello!” gridato con tutto il cuore.
Perchè io credo? Perché Dio è la cosa più bella che ho incontrato. E da lui acquisto la bellezza del vivere.

Che bello amare, abbracciare, avere amici, creare, seminare, perché la vita ha senso, va verso un esito buono, che comincia qui e scorre nell’eternità. “Questi è il Figlio mio. Ascoltatelo”.
Il primo passo per essere contagiati dalla bellezza di Dio è l’ascolto, dare in po’ di tempo e un po’ di cuore al suo vangelo, essere illuminati dal Volto di Cristo e cercare l’essenziale della vita!


…è pregata


Signore, che sei con me e per me ogni istante della mia vita, illumina con la tua luce i miei passi per rispondere ogni giorno con autenticità a quell’alleanza d’amore che mi salva. Amen.

Proposito:

 

Oggi farò visita a chi soffre cercando di essere prossimo, e anche valido sostegno.
.







da: © 2017 - Centro Diocesano Vocazioni Seminario Vescovile di Patti Piazza Cattedrale - 98066 Patti (ME) Tel. 0941.21047 cdv@diocesipatti.it

 

 

[altre proposte da consultare: 1; 2]




 

 

 

 

 

9 aprile: DOMENICA DELLE PALME
Enrico Masseroni
Un dono sarebbe doveroso chiedere almeno una volta in vita: quello delle lacrime ...continua

 

9 aprile: DOMENICA DELLE PALME
Centro Dioc Vocaz Seminario Vescovile di Patti
Oggi finisce la Quaresima; da lunedì inizia la settimana santa. Interessante: la ...continua

 

2 aprile: QUINTA DI QUARESIMA
Enrico Masseroni
Nessuna esperienza è così universale come il morire: anche ...continua

2 aprile: QUINTA DI QUARESIMA
Centro Dioc Vocaz Seminario Vescovile di Patti
Come la samaritana ha assaporato l’acqua viva offerta da Gesù ...continua

 

26 marzo: QUARTA DI QUARESIMA
Enrico Masseroni
Ci sono persone o fatti che hanno il potere di provocare domande ...continua

26 marzo: QUARTA DI QUARESIMA
Centro Dioc Vocaz Seminario Vescovile di Patti
Allora chiamarono di nuovo l’uomo che era stato cieco e gli dissero ...continua

 

25 marzo: ANNUNCIAZIONE DEL SIGNORE - solennità
Ermes Ronchi
È, questo, un Vangelo pieno di parole che non riusciamo a ...continua

20 marzo:
SAN GIUSEPPE SPOSO DELLA VERGINE MARIA - solennità

Centro Dioc Vocaz Seminario Vescovile di Patti
L’apparizione dell’angelo a Giuseppe, narrata solo dall’evangelista ...continua

 

19 marzo: TERZA DI QUARESIMA
Enrico Masseroni
Ci sono incontri che lasciano il tempo che trovano; altri lasciano ...continua

19 marzo: TERZA DI QUARESIMA
Centro Dioc Vocaz Seminario Vescovile di Patti
Vivere da cristiani, comporta un mettersi alla sequela di Cristo e ...continua

 

12 marzo: SECONDA DI QUARESIMA
Enrico Masseroni
Lo squarcio di luce della trasfigurazione si colloca tra due annunci ...continua

12 marzo: SECONDA DI QUARESIMA
Centro Dioc Vocaz Seminario Vescovile di Patti
La vita cristiana è vocazione, chiamata ad ascoltare Gesù, quale ...continua

 

5 marzo: PRIMA DI QUARESIMA
Enrico Masseroni
Da oggi il sentiero del tempo liturgico svolta verso Pasqua. Si ...continua

5 marzo: PRIMA DI QUARESIMA
Centro Dioc Vocaz Seminario Vescovile di Patti
Il racconto delle tentazioni, ci chiama al lavoro, mai finito, di mettere ...continua

 

 

PROPOSTE DI MEDITAZIONI  - Desideriamo offrire testi spirituali, che possono essere di aiuto per nutrire la nostra fede e rafforzare la nostra vita in Cristo: sono un'occasione per confrontare la nostra esperienza cristiana con quella di testimoni 'antichi' e contemporanei. I testi sono presi da: Meditazioni per l'anno liturgico. Dagli Autori di tutti i tempi.

Benedetto colui che viene nel nome del Signore, il re d'Israele - sant'Andrea di Creta
Cristo, la risposta che ci è donata - Alessandro Maggiolini
Dio piange, sapete?... - Paolo Curtaz
Il deserto condizione del cristiano - Anna Maria Canopi OSB
Cristo è via alla luce, alla verità, alla vita - sant'Agostino
Aderiamo a Dio, unico vero bene - sant'Ambrogio
Arrivò una donna di Samaria ad attingere acqua - sant'Agostino
Gli interrogativi più profondi dell'uomo
- Gaudium et spes
Giorni di custodia - sorella Ilaria, comunità di Bose
Il Digiuno che salva
- Missale Romanum Vetus Ordo
Lo Spirito e il deserto - del beato Isacco della Stella al dodicesimo secolo.
Diamo senso alla vita seguendo il Signore Gesù - Bruno Forte

 

 

 

 

sito web ufficiale: www.suoredimariabambina.org