TEMPO di QUARESIMA:
"QUESTI È IL FIGLIO MIO, L’AMATO: ASCOLTATELO”

S.E. Mons. Nunzio Galantino




PRESENTAZIONE

 

 

A partire dalla Parola di Dio e dalla Liturgia della Chiesa, in piena sintonia con il messaggio quaresimale di papa Francesco – «La Parola è un dono. L'altro è un dono» – il sussidio per l’animazione liturgico-pastorale del Tempo di Quaresima-Pasqua, predisposto dall’Ufficio Liturgico Nazionale, intende offrire strumenti a sostegno del cammino di fede delle nostre comunità cristiane.

Sul monte Tabor la voce dalla nube indica in Gesù il Figlio amato del Padre, splendente della sua gloria, e tuttavia incamminato verso la Passione. In tal modo egli si pone dalla parte dell’umanità sofferente e oppressa, a fianco di tutti gli abbandonati e i crocifissi della storia. Con decisione, ma senza trionfalismi, senza costrizioni, la voce del Padre invita all'ascolto. Non è facile nel nostro mondo porgere orecchio, rendersi disponibili, attenti, recettivi. Il clima comunicativo prevalente prevede un incessante tentativo di prendere la parola, attirare l'attenzione, impedire che l'altro venga ascoltato.

Il comando che risuona sul monte è molto attuale, anche se controcorrente. Il Figlio amato è la parola incarnata del Padre: in lui diviene possibile una nuova lettura delle Scritture dell’Antica Alleanza, e l’ascolto sorprendente della loro attuazione nel Regno dei Cieli. Conversando con Mosè ed Elia, la Legge e i Profeti, Gesù svela la profondità del progetto di Dio. Il Padre chiede un ascolto integrale: non solo comprensione intellettuale, non solo prassi umanitaria, non solo adesione emotiva, ma l’unione di tutte le facoltà della persona nell’unico processo della sequela.

 

 

   

 


In Gesù oggi diviene anche possibile un nuovo sguardo sulla storia, che non registri unicamente l'intervento dei più forti, che non si limiti a constatare chi fa più rumore, ma vada alla ricerca delle voci più umili e flebili, quelle di cui nessuno si cura. Allora l'ascolto è forma della vera conversione: uscire da sé stessi, per andare incontro a chi fa fatica anche solo a farsi sentire.

Proprio a partire dall’adesione profonda al Figlio amato dal Padre, in cui ci ritroviamo tutti fratelli, in cui ogni uomo, anche il più povero, il più fragile e malato, può essere riscoperto come fratello.
Ancora più: il Crocifisso si è identificato con i più poveri; il Risorto è presente nella storia proprio dalla parte dei più umili.

Vivere la Quaresima, vivere la gioia della Pasqua, seguire Gesù nel suo percorso di morte e risurrezione, perdere la vita per ritrovarla, non può non portarci a incrociare la via degli affamati, assetati, carcerati, malati, in cui egli si nasconde e rivela nello stesso tempo.

Il primo Altro che siamo chiamati a riscoprire è proprio Gesù: egli è realmente alternativo, non convenzionale, non corrispondente ai canoni dominanti, alle ideologie di ogni epoca: distante sia dall’ideologia imperiale romana del suo tempo, sia dalle sottili e soffocanti mode del tempo attuale.
Nel suo volto ritroviamo il nostro vero volto; nella sua persona ritroviamo la possibilità di un incontro autentico con gli "altri", riscoperti come fratelli e sorelle.

Auspico che in ogni comunità, anche attraverso l'aiuto del sussidio, le celebrazioni dei Tempi forti di Quaresima e di Pasqua siano vissute come soste rigeneranti di ascolto e di comunione, in cui la voce del Padre si fa sentire, in cui è possibile riconoscere il volto di Cristo, in cui essere trasfigurati in un clima comunitario e fraterno, con la riscoperta della gioia di credere e testimoniare.

Nunzio Galantino
Segretario Generale della CEI

 



da: http://www.chiesacattolica.it/quaresima2017/  
:

 

 

 

 

2 aprile: QUINTA DI QUARESIMA
Enrico Masseroni
Nessuna esperienza è così universale come il morire: anche l’ombra della vigilia ...continua

2 aprile: QUINTA DI QUARESIMA
Centro Dioc Vocaz Seminario Vescovile di Patti
Come la samaritana ha assaporato l’acqua viva offerta da Gesù, e come il cieco ...continua

 

26 marzo: QUARTA DI QUARESIMA
Enrico Masseroni
Ci sono persone o fatti che hanno il potere di provocare domande ...continua

26 marzo: QUARTA DI QUARESIMA
Centro Dioc Vocaz Seminario Vescovile di Patti
Allora chiamarono di nuovo l’uomo che era stato cieco e gli dissero ...continua

 

25 marzo: ANNUNCIAZIONE DEL SIGNORE - solennità
Ermes Ronchi
È, questo, un Vangelo pieno di parole che non riusciamo a ...continua

20 marzo:
SAN GIUSEPPE SPOSO DELLA VERGINE MARIA - solennità

Centro Dioc Vocaz Seminario Vescovile di Patti
L’apparizione dell’angelo a Giuseppe, narrata solo dall’evangelista ...continua

 

19 marzo: TERZA DI QUARESIMA
Enrico Masseroni
Ci sono incontri che lasciano il tempo che trovano; altri lasciano ...continua

19 marzo: TERZA DI QUARESIMA
Centro Dioc Vocaz Seminario Vescovile di Patti
Vivere da cristiani, comporta un mettersi alla sequela di Cristo e ...continua

 

12 marzo: SECONDA DI QUARESIMA
Enrico Masseroni
Lo squarcio di luce della trasfigurazione si colloca tra due annunci ...continua

12 marzo: SECONDA DI QUARESIMA
Centro Dioc Vocaz Seminario Vescovile di Patti
La vita cristiana è vocazione, chiamata ad ascoltare Gesù, quale ...continua

 

5 marzo: PRIMA DI QUARESIMA
Enrico Masseroni
Da oggi il sentiero del tempo liturgico svolta verso Pasqua. Si ...continua

5 marzo: PRIMA DI QUARESIMA
Centro Dioc Vocaz Seminario Vescovile di Patti
Il racconto delle tentazioni, ci chiama al lavoro, mai finito, di mettere ...continua

 

TEMPO di QUARESIMA:
Per vivere la Quaresima -
Ermes Ronchi
È tornato il tempo della quaresima, quaranta giorni che i cristiani ...continua

Un tempo dalle caratteristiche proprie
La Quaresima è il tempo che precede e dispone alla celebrazione ...continua

"Questi è il Figlio mio, l'amato: ascoltatelo" - S.E. Mons. N. Galantino
A partire dalla Parola di Dio e dalla Liturgia della Chiesa, in piena ...continua

Deserto, strada della salvezza - Anna Maria Canopi OSB
Il tema del deserto è vasto quanto la storia sacra. Non vi sono ...continua

 

 

PROPOSTE DI MEDITAZIONI  - Desideriamo offrire testi spirituali, che possono essere di aiuto per nutrire la nostra fede e rafforzare la nostra vita in Cristo: sono un'occasione per confrontare la nostra esperienza cristiana con quella di testimoni 'antichi' e contemporanei. I testi sono presi da: Meditazioni per l'anno liturgico. Dagli Autori di tutti i tempi.

Cristo, la risposta che ci è donata - Alessandro Maggiolini
Dio piange, sapete?... - Paolo Curtaz
Il deserto condizione del cristiano - Anna Maria Canopi OSB
Cristo è via alla luce, alla verità, alla vita - sant'Agostino
Aderiamo a Dio, unico vero bene - sant'Ambrogio
Arrivò una donna di Samaria ad attingere acqua - sant'Agostino
Gli interrogativi più profondi dell'uomo
- Gaudium et spes
Giorni di custodia - sorella Ilaria, comunità di Bose
Il Digiuno che salva
- Missale Romanum Vetus Ordo
Lo Spirito e il deserto - del beato Isacco della Stella al dodicesimo secolo.
Diamo senso alla vita seguendo il Signore Gesù - Bruno Forte

 

 

 

 

     
g