ASCENSIONE DEL SIGNORE: Abbiamo creduto in lui e ne aspettiamo il ritorno
Agostino



Fratelli, noi crediamo in quel Gesù che non hanno creduto i nostri occhi. A noi Gesù lo hanno annunciato coloro che lo hanno veduto, l’hanno stretto con le loro mani, hanno udito le parole uscite dalla sua bocca. Essi, affinché tutti gli uomini accettassero le sue parole, furono inviati da lui; non osarono andare di loro iniziativa.
Dove furono mandati? L’avete sentito dalla lettura dell’evangelo: «Andate, predicate l’evangelo ad ogni creatura che è sotto il cielo» (Mc 16,15). I discepoli furono dunque inviati in ogni parte del mondo, con la testimonianza di prodigi e segni miracolosi perché gli uomini credessero che essi riferivano cose da loro stessi viste. Noi abbiamo creduto in colui che non abbiamo visto con i nostri occhi e ne aspettiamo il ritorno. Chiunque lo aspetta con fede, sarà ripieno di gioia, quando ritornerà [...]

Restiamo dunque fedeli alla sua parola, perché non proviamo confusione quando ritornerà.
Egli infatti nel vangelo a quelli che avevano creduto in lui dice: «Se rimanete nelle mie parole, sarete veramente miei discepoli» (Gv 8,31). E quasi gli chiedessero: Con quale vantaggio? «Voi conoscete la verità e la verità vi farà liberi» ( Gv 8,32).

Attualmente la nostra salvezza è oggetto di speranza, perché ancora non è stata realizzata; ancora non possediamo ciò che è stato promesso e tuttavia ne speriamo la futura realizzazione.
Colui che ha fatto questa promessa è fedele; egli non ti inganna: tocca a te unicamente non mancargli di fiducia, ma attendere la realizzazione delle sue promesse.
La verità non conosce inganni. Non voler esser tu il bugiardo, altra cosa professando e altra facendo; conserva la fede e lui manterrà fede alla sua promessa. Se non avrai conservato la fede, sarai stato tu a defraudarti, non certo chi ti ha fatto la promessa.





da:
AGOSTINO, Commento all’epistola di san Giovanni 4,2, Opere di sant’Agostino XXIV, Roma 1968, pp. 1708-1709




 

 

 

 

 

TEMPO ORDINARIO:
IL SENSO DEL TEMPO
Cesare Massa
Il primo capitolo del Genesi, con il racconto così denso di sapienza, relativo alla creazione del mondo e dell’uomo, ci immette ...continua

 

TEMPO ORDINARIO:
IL TEMPO ORDINARIO
Monastero di Camaldoli
Il tempo ordinario è costituito da trentatrè o trentaquattro settimane, distribuite tra la festa del battesimo del Signore ...continua

 

TEMPO ORDINARIO:
anno liturgico B
Sr. Maria Anastasia di Gerusalemme, O.Carm
La Chiesa suddivide questa serie di anni attraverso la denominazione di Anno A, Anno B, Anno C, a cui corrisponde un ciclo ...continua

 

L'ANNO LITURGICO
Mons. A. Donghi
L'anno liturgico ci appare oggi come un monumento ben costruito e imponente, che si proietta sul calendario dell'anno ...continua


TEMPO ORDINARIO:
Pane quotidiano: un diritto di tutti
Enzo Bianchi
Omnia sunt communia: questa affermazione, risalente ai padri della chiesa, è stata la bandiera della rivoluzione di ...continua

 

18 MAGGIO:FESTA DELLE SANTE
BARTOLOMEA CAPITANIO E VINCENZA GEROSA
Card. C.M. Martini
... I santi, infatti, sono strettamente collegati al mistero di Gesù. Grazie alla luce della Pasqua che risplende in loro, rendono visibile nella storia la presenza del Risorto
...continua

 

 

 

PROPOSTE DI MEDITAZIONI  - Desideriamo offrire testi spirituali, che possono essere di aiuto per nutrire la nostra fede e rafforzare la nostra vita in Cristo: sono un'occasione per confrontare la nostra esperienza cristiana con quella di testimoni 'antichi' e contemporanei. I testi sono presi da: Meditazioni per l'anno liturgico. Dagli Autori di tutti i tempi.

Il sonno di Cristo sulla barca - Pier Crisologo
Cristo comandò al mare e si fece una grande bonaccia - Agostino
Il granello di senape - S. Ambrogio
Le vie di Dio - Dom Guillaume
Abbiamo creduto in lui e ne aspettiamo il ritorno - Agostino
Lo Spirito del Signore ha riempito l’universo - Aelredo Di Rievaux

 

 

 

 

sito web ufficiale: www.suoredimariabambina.org