DOMENICA DI PASQUA
Comunità di Bose



At 10,34.37-43; Sal 117; Col 13,1-4; Gv 20,1-9

Al cuore delle letture del giorno di Pasqua vi è l’annuncio e l’esperienza della resurrezione.
La scoperta della tomba vuota conduce Maria di Magdala a darne la notizia a Pietro e al discepolo amato: quest’ultimo, entrato nel sepolcro, «vide e credette».
È l’inizio della fede pasquale
(vangelo).
Da quel primo giorno della settimana la resurrezione di Gesù diviene evento di parola, diviene annuncio, anzi è la parola per eccellenza che la Chiesa è chiamata ad annunciare e a testimoniare, come fa Pietro nel suo discorso riportato dagli Atti (
I lettura).
La resurrezione di Gesù coinvolge il credente facendo del battezzato un uomo partecipe del mistero pasquale e la cui vita è ormai nascosta con Cristo in Dio (
II lettura).

Dove cercare il Signore? Dov’è il Signore?
Questa la domanda che le parole preoccupate di Maria di Magdala suscitano in noi: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto» (Gv 20,2).
Qual è il luogo, il dove, del Signore?
Maria è ancora nel buio (Gv 20,1), deve ancora avvenire il passaggio verso il chiarore della fede, verso la luce della visione. Per ora la ricerca di Maria è a tentoni e — non ancora illuminata dalla fede — si risolve in una incomprensione dell’evento: Maria pensa a un trafugamento del cadavere.
C’è una relazione affettiva, umana, umanissima con il Signore che non è sufficiente per cogliere l’interezza del mistero. La fede non è riducibile a una pura dimensione affettiva.

  Il testo sottolinea l’importanza del vedere da parte dei personaggi che giungono alla tomba.
Maria vede la pietra ribaltata dal sepolcro e corre da Pietro e dal discepolo amato; quest’ultimo, nella corsa insieme con Pietro, giunge per primo al sepolcro e vede le bende, ma non entra; Pietro entra nel sepolcro e vede con precisione tutto ciò che vi è: bende, sudario piegato e riposto in un luogo a parte. Ma anche questo sguardo constatativo, razionale, preciso, completo, non basta a cogliere il mistero. Solo il discepolo amato, dopo aver rispettosamente atteso Pietro e aver lasciato che per primo entrasse nel sepolcro chi godeva di un primato nel gruppo dei Dodici, entrò e vide e credette.
Il discepolo amato non vede alcun oggetto specifico: è l’assenza stessa che diviene per lui evocatrice di una Presenza. La sua visione è animata dall’intuizione spirituale che gli consente di iniziare un processo che giungerà alla pienezza della fede.
Ma per il salto della fede, dunque per vedere la vita nel luogo della morte, occorre credere alla testimonianza delle Scritture (Gv 20,9). Di Gesù restano solo i segni del corpo morto e assente, sicché il sepolcro è memoria immota, cimiteriale, morta.


La Scrittura, che sempre è segno di un’assenza (lo scritto rimpiazza la presenza), è invece memoriale di un vivente e memoria vivificante: accostata al vuoto della tomba, essa la riempie di una parola che è all’origine della resurrezione perché è la parola stessa del Dio della vita.


Cercare colui che è assente, vedere colui che non è visibile, trovare colui che non ha un luogo identificabile: questi sono gli elementi che caratterizzano la ricerca del Signore anche oggi.
L’assenza di Dio da motivo di lamento deve passare a condizione di ricerca. Da fuggire è la pretesa di sapere o di stabilire con certezza dove sia il Cristo, dove sia da cercare e dove no.
Fuga da attuarsi in obbedienza alle parole di Gesù: «Se qualcuno vi dirà: “Ecco, il Cristo è qui, ecco è là”, non ci credete» (Mc 13,21).

È un preciso invito alla non-fede che Gesù fa. Non-fede necessaria alla fede nel Risorto.
E occorre non credere a chi vuole dare visibilità a Cristo dicendo: «Sono io» (Mc 13,5).
«Non in modo osservabile» viene il Regno, e nessuno può dire «Eccolo qui, eccolo là» (Lc 17,21).
Pretendere di individuare e circoscrivere il luogo del Risorto è operazione idolatrica, fatta dai manipolatori del religioso, che non sopportano l’insicurezza e la fatica della ricerca a cui obbliga il
non est hic («non è qui»: Mc 16,6).




da: Eucaristia e Parola – Testi per le celebrazioni eucaristiche di Quaresima e tempo Pasquale, a cura di Enzo Bianchi, Goffredo Boselli, Lisa Cremaschi e Luciano Manicardi - Comunità di Bose
Vita e Pensiero - Largo A. Gemelli, 1 - 20123 Milano, pp 39-41





 

 

 

 

 

 

 

 

 

sito web ufficiale: www.suoredimariabambina.org