TEMPO PASQUALE - IV Domenica di Pasqua
Riflessione sulle letture
Comunità di Bose


At 2,14.36-41; Sal 23; 1Pt 2,20b-25; Gv 10,1-10


La quarta domenica di Pasqua contempla il Risorto quale pastore della chiesa.
Il pastore indica al gregge la via da percorrere e il Cristo-Pastore indica alla chiesa la via che essa deve seguire. Via che, secondo la prima lettura, si chiama
conversione. «Convertitevi» (Metanoésate. At 2,38), risponde Pietro alle folle di Gerusalemme che gli chiedevano: «Che cosa dobbiamo fare?» (At 2,37). L'attività pastorale degli apostoli suscita un itinerario che, a partire dall'ascolto della parola predicata e dalla fede, si dipana in alcune tappe: conversione; battesimo; remissione dei peccati; effusione dello Spirito. Tutto questo conduce all'aggregazione alla comunità cristiana (At 2,41).

La seconda lettura mostra il modello di questo cammino di salvezza: Cristo. Il Cristo che ha sofferto la passione e la morte lascia ai suoi seguaci un tracciato affinché seguano le sue orme (IPt 2,21).
Così essi, come pecore prima smarrite, possono tornare al loro pastore e custode (1Pt 2,25).

Il vangelo ribadisce che Cristo è la porta attraverso cui deve passare il cammino del discepolo: si tratta di un cammino spirituale di
ascolto, sequela e conoscenza del Signore.


  La rivelazione di Gesù quale pastore diviene anche giudizio di chi è ladro, brigante, estraneo.
Se il pastore Gesù è venuto per dare la vita e perché gli uomini abbiano la vita in abbondanza, ladri e briganti invece vengono per «rubare, sacrificare (CEI: uccidere) e far perire» (Gv 10,10).
Di costoro Gesù dice che «sono venuti prima di me», ma questo non va inteso in senso cronologico, quasi che si riferisse ai personaggi della prima alleanza.
Ignazio di Antiochia ha compreso bene: «Cristo è la porta del Padre, attraverso la quale entrano Abramo, Isacco e Giacobbe, i profeti, gli apostoli e la chiesa» (Ai Filadelfiesi lX,1) . Si tratta invece dei falsi messia che si presentano agli uomini avanzando la pretesa di essere dei salvatori: quand'anche venissero dopo (cronologicamente) rispetto a Gesù, essi rientrerebbero nel novero degli usurpatori qui intravisti.

Il criterio discriminante che dice l'autenticità della missione è nel sottrarre per sé o nel donare, nel portare morte o nel portare vita. In particolare viene condannato il sacrificare: ovvero, il togliere vita in nome di Dio, il servirsi delle persone per fini religiosi fino ad annientarle, l'usare il nome di Dio e la religione per fare violenza, il togliere la libertà alle persone dando forma nuova agli antichi sacrifici umani.


Ladro e brigante è chi si erge a padrone del gregge considerando «sue» le persone che appartengono a Cristo. Il Salmo 100 recita: «Riconoscete che il Signore è Dio, è lui che ci ha fatto e non noi, noi siamo suo popolo e gregge del suo pascolo» (Sal 100,3).

Non noi, ma tu, Signore; non io, ma tu, Signore.

Questa confessione della nostra radicale povertà - non io, ma tu - è anche la condizione della preghiera, il movimento della fede e dell'amore che nasce dalla rivelazione che Gesù, il Cristo crocifisso e risorto, è il pastore delle pecore.

Gesù si autodefinisce
porta delle pecore, cioè per le pecore, non porta del recinto.
Il termine «recinto» è espresso in greco dal vocabolo
aulé che si riferisce normalmente non a un ovile, ma al vestibolo davanti al tabernacolo o al Tempio (Es 27,9; 2Cr 6,13; 11,16; Ap 11,12).

Ovvero, la porta che immette nella comunione con Dio non è il tempio di Gerusalemme, ma il Cristo morto e risorto. Se Cristo è la porta che conduce alla salvezza (Gv 10,9) e se la porta fa parte dell'edificio a cui permette l'accesso, Gesù è al tempo stesso il mediatore della salvezza e la salvezza stessa. Gesù è la Via verso il Padre, ma è anche la Vita (Gv 14,6): in Gesù troviamo la vita del Padre.

Il pastore «fa uscire» le sue pecore (10,3: Vulgata:
educit). Il pastore immette in un cammino di esodo, dunque di liberazione. Compito del pastore è educare alla libertà. Egli chiama per nome ciascuna delle sue pecore e le educa conducendole a vivere in nome proprio. L'educazione è il luogo dell'assunzione della responsabilità nei confronti di chi viene dopo di noi; è uno degli aspetti del ministero pastorale.







da:
Eucarestia e Parola - Testi per le celebrazioni eucaristiche di Quaresi a e tempo pasquale -
a cura di Enzo Bianchi, Goffredo Boselli, Lisa Cremaschi e Luciano Manicardi - Comunità di Bose -
Vita e Pensiero 2008 - Largo A. Gemeli, 1 - 20123 Milano - pp 61-63




 

 

 

sito web ufficiale: www.suoredimariabambina.org