TEMPO LITURGICO

   
 

Tempo di Avvento
La primavera eterna
Card. Newman


Riferimenti biblici: Is 11,1-19; Is 35,1-10


Solo una volta l'anno, ma tuttavia almeno una volta, il mondo che vediamo lascia apparire le sue possibilità nascoste e, in un certo senso, si manifesta.
Spuntano foglie, gemme e fiori sugli alberi e nasce l'erba e il grano nei campi. E' come un erompere improvviso e violento di quella vita nascosta che Dio ha immesso nel mondo materiale.

  Ecco, tutto questo è come una piccolissima dimostrazione di quel che il mondo può fare ad un ordine di Dio, quando egli dice una parola. Come ora questa terra esplode in una primavera di foglie e gemme, così un giorno si schiuderà, trasformandosi in un nuovo mondo di luce e di gloria, e noi vedermo in esso i Santi e gli Angeli che lo abitano.
Chi dunque, se non colui che per tutta la vita ha avuto l'esperienza di altre primavere, chi dunque potrebbe pensare, con due o tre mesi di anticipo, che la natura, allora quasi senza vita, sarebbe diventata poi tanto splendida e varia? ...

Così sarà il giungere di quella Primavera Eetrna che tutti i cristiani attendono. Verrà certamente, anche se ritarda. Aspettiamola perché "verrà di sicuro e non tarderà" (Ebr 10,37). Perciò noi diciamo ogni giorno: Venga il tuo regno! E questo vuol dire: "Mostrati Signore, manifestati; tu che siedi tra i Cherubini, mostrati; ridesta la tua potenza, vieni ad aiutarci" (cfr Sal 79,3).

La terra che sta sotto i nostri occhi non ci appaga: è solo un inizio, è solo la promessa di qualche cosa che è al di là; anche quando è tutta in festa con tutti i suoi fiori, anche quando mostra, in modo commovente, tutto quel che vive celato in lei, anche allora non ci basta. Sappiamo che c'è molto di più di quel che possiamo vedere. Un mondo di Santi e di Angeli, un mondo pieno di gloria, la dimora di Dio, il monte del Dio degli Eserciti, la Gerusalemme celeste, il trono di Dio e di Cristo: tutte queste meraviglie che non avranno mai fine, tutto quel che è prezioso, misterioso, incomprensibile è celato in quel che vediamo. Quel che si può vedere non è che l'involucro di un regno eterno: e verso questo regno si rivolgono gli occhi della nostra fede.

 

Risplendi, mostrati, o Signore, come quando per la tua natività i tuoi Angeli visitarono i pastori. Fiorisca la tua gloria come si aprono sugli alberi gemme e fogliame ... Il sole, il cielo, le nubi brillino pure, siano verdeggianti le piante e i campi, cantino dolcemente gli uccelli! Ma noi sappiamo che questo è soltanto una piccola cosa e non ci accontenteremo di una parte al posto di tutto.

Le bellezze della natura derivano da un centro d'amore e di bontà, che è Dio stesso: ma non sono la sua pienezza; parlano di cielo, ma non sono il cielo; sono fuggevoli raggi, pallidi riflessi della sua Immagine. E sono appena briciole cadute dalla sua mensa.



John-Henry Newman, teologo inglese, cardinale (+ 1890): Parochial and Plain Sermons, vol. IV, 13° discorso - Rivingtons, London, Oxford and Cambridge 1870 - pagg 209-211
 


da: Meditazioni per l'anno liturgico - dagli Autori di tutti i tempi
Edizioni Messaggero, Padova 1975, pag 27-28


web site official: www.suoredimariabambina.org