TEMPO LITURGICO
   
 

Il Tempo ordinario

L'ordinario di cui abbiamo bisogno

 

Intorno a questi due assi portanti - centralità del Lezionario e della domenica - la Chiesa nel Tempo ordinario si può speriemntare in cammino, sostenuta dalla Parola, sulle orme di Colui che per lei e per l'umanità intera ha donato la sua vita.

Celebrando così il mistero di Cristo nel tempo del suo pellegrinaggio, la Chiesa impara a conformare la sua vita a quella del suo Signore.

  Il Tempo ordinario, che spesso viene considerato un "tempo minore", un tempo "poco significativo", è invece il tempo dove in qualche modo si gioca e si "mette alla prova" la verità degli altri tempi, "il tempo dell'ordinarietà" e della quotidianità, il tempo della vita dei discepoli di Gesù che devono fare della Pasqua il criterio fondamentale della loro esistenza.

Il Tempo ordinario, se vissuto nella fedeltà al cammino che la liturgia ci propone di ogni tappa domenicale, può diventare il tempo "custode" di quella "capacità di ordinarietà", vero luogo della fedeltà e della vigilanza, di cui oggi forse noi e le nostre comunità abbiamo bisogno.
 
da: Matteo Ferrari, monaco di Camaldoli, Fedeltà nel tempo. La spiritualità dell'anno liturgico,
Edizioni EDB 2010, pg. 81-82
web site official: www.suoredimariabambina.org