TEMPO LITURGICO
   
 

Corpus Domini

Corpo e Sangue del Signore


Dt 8,2-3.14b-16a; Sal 147; 1Cor 10,16-17; Gv 6,51-58


Dio nutre il suo popolo; Dio dona il cibo alle sue creature. Questa l'affermazione che attraversa le tre letture. Nel deserto Dio ha nutrito il suo popolo con la manna (I lettura); Gesù è il pane donato da Dio per la vita del mondo (vangelo); l'unico pane che significa Cristo nutre la comunità cristiana e la fa partecipare all'unica vita del suo Signore (II lettura).
Il cibo che viene da Dio e che consente al popolo di sostenersi nel pellegrinaggio nel deserto, nel faticoso esodo verso la terra promessa (I lettura), è il pane del popolo pellegrinante verso il Regno, è il pane che ha una valenza escatologica; è il pane che dona unità alla comunità costituendola come unico corpo (II lettura), radicandola nel dono di Dio e nel suo amore, e dunque ha una valenza ecclesiologica; è il pane vivo che assume il volto e il corpo di Cristo, che riveste le fattezze della sua vita e della sua umanità, della sua carne e del suo sangue (vangelo), e in quanto tale, esso ha una valenza cristologica.


 

Le parole di Gesù: "Io sono il pane vivo disceso dal cielo: se uno mangia di questo pane vivrà in eterno" (Gv 6,51) non vanno immediatamente intese in senso eucaristico e in riferimento al pane eucaristico. Queste parole indicano Gesù come colui che rivela il Padre e che può dare la vita al mondo con la sua stessa vita, con l'interpretazione della vita umana che egli ha mostrato all'umanità nella sua concreta esistenza. Il "mangiare me" (cf. Gv 6,57), il "mangiare la mia carne e bere il mio sangue" (cf. Gv 6,53.54.56) rinviano il discepolo all'operazione spirituale di assimilare nella propria vita la vita di Cristo. Di questa operazione fa parte la fede, il credere, fa parte l'ascolto della parola delle Scritture, fa parte la prassi, il fare concretamente la volontà del Padre. Non vi fa parte solo la manducazione eucaristica.

La vita umana di Gesù (la sua carne e il suo sangue), come testimoniata nei vangeli, è il cibo di cui ogni credente è chiamato a nutrirsi affinché la vita di Gesù viva concretamente in lui. La chiesa è il luogo in cui la concreta umanità di ogni credente (la sua carne e il suo sangue) è chiamata a conformarsi all'umanità di Gesù, alla sua vita. Affinché sia vero che una sola vita, un'unica vita lega il Signore e il suo discepolo. Lì la chiesa si manifesta come luogo dell'alleanza tra il Signore e il credente.

 
 


La vita eterna promessa a chi assimila la sua vita (cf. Gv 6,51.54.58), in realtà inizia già qui e ora per il credente. Si tratta di integrare la morte nella vita facendo della vita un atto di donazione di sé, un atto di amore sulle tracce di Gesù (cf. Gv 13,34). Come atto di amore è quello per cui Gesù si dona come cibo e bevanda agli uomini. Come atto di amore è la morte di Gesù, amore che è all'origine della resurrezione e della promessa della vita per sempre con il Signore nel Regno.

Nell'affermazione che Gesù è il pane che non proviene dalla terra ma discende dal cielo e che è destinato a essere mangiato per dare vita agli uomini, si cela il mistero e lo scandalo dello scambio e della comunicazione: per dare vita occorre perdere vita. Ma la vita che perdo in me, la vedo fiorire nell'altro. Per donare agli uomini la vita di Dio, il Figlio di Dio entra nella vita umana, diviene partecipe della carne e del sangue (cf. Eb 2,14) e invita l'uomo allo scambio, alla relazione, alla partecipazione, alla comunione. Invita l'uomo a mangiare la sua carne e il suo sangue, cioè lo invita e lo abilita a partecipare alla sua vita.

Vita di Dio e vita dell'uomo si incontrano nell'amore, nell'agape, cibo che veramente nutre l'uomo e realtà che costituisce la vita di Dio: "Dio è amore" (1Gv 4,8.16). L'Eucaristia è il sacramento della carità, dell'agape, in cui il dono di Dio agli uomini è la piena narrazione del suo amore per loro e la fonte del loro amarsi come Cristo li ha amati. La comunità che nasce dall'Eucaristia è costituita dall'insieme dei "donanti", dei "capaci di dono" perché essi stessi "destinatari di dono", in un circuito di donazione che ha la sua origine nell'alto, da Dio; è formata da "coloro che amano" ("Amatevi gli uni gli altri": Gv 13,34) in quanto essi stessi "amati" ("come io ho amato voi": Gv 13,34).

 

da: LUCIANO MANICARDI - Comunità di Bose, Eucaristia e Parola - Testi per le celebrazioni eucaristiche - Anno A

2010 Vita e Pensiero

web site official: www.suoredimariabambina.org