TEMPO LITURGICO
   
 

Giovedì santo

Una vita data liberamente per amore



Con il tramonto del Giovedì santo ha inizio il triduo pasquale, quei giorni "santi, distinti dagli altri, in cui noi cristiani meditiamo, celebriamo, riviviamo il mistero centrale della nostra fede: Gesù entra nella sua passione, conosce la morte e la sepoltura e il terzo giorno è risuscitato dal Padre nella forza della vita che è lo Spirito santo.

Ma questo evento della passione di Gesù era dovuto al caso o a un destino che incombeva su Gesù? Perché Gesù ha conosciuto una condanna, la tortura e la morte violenta?

Sono domande cui si deve dare una risposta se si vuole cogliere e conoscere in profondità il senso della passione. Ma sono gli stessi vangeli che vogliono fornirci questa risposta testimoniando gli eventi di quei giorni pasquali dell'anno 30 della nostra era. Infatti Gesù, proprio per manifestare ai discepoli che entrava nella sua passione assumendola come un atto, non costretto dal fato e neppure per casualità di eventi a lui sfavorevoli, anticipa con un mimo, con un gesto simbolico quello che gli stava per succedere e ne svela così il significato. Nella libertà, dunque, Gesù accetta quella fine che va profilandosi: avrebbe potuto fuggire, avrebbe potuto evitare di affrontare quella prova e, certo, ha chiesto al Padre se non fosse possibile questo, ma se Gesù voleva dimorare nella giustizia, se voleva collocarsi dalla parte dei giusti che in un mondo ingiusto sono sempre osteggiati e perseguitati, se voleva restare nella solidarietà con le vittime, gli agnelli della storia, allora doveva accettare quella condanna a morte. Sì, liberamente l'ha accettata perché fosse fatta la volontà del Padre: non che il Padre volesse la sua morte, ma la volontà del Padre chiedeva che Gesù restasse nella giustizia, nella carità, nella solidarietà con le vittime.


 

Ma questa libertà di Gesù era nutrita e accompagnata anche dall'amore: amore per il Padre, certo, ma anche amore per la verità e la giustizia, amore per noi uomini. Sì, proprio perché fosse manifesto che Gesù deponeva la sua vita liberamente e per amore - non costretto dal destino né da circostanze fortuite - Gesù anticipa con il segno quello che sta per accadergli. A tavola con i suoi discepoli, Gesù compie sul pane e sul vino delle azioni accompagnate dalle sue parole: il suo corpo è spezzato e dato agli uomini, il suo sangue è versato e dato per tutti. E il segno della sua morte imminente, il sacramento del rendimento di grazie è l'eucaristia che i cristiani dovranno celebrare in memoria di Gesù per essere essi pure coinvolti in quel gesto che è dare la vita per i fratelli, per gli altri: alla fine di quell'azione Gesù esclama "Fate questo in memoria di me!". Fino al suo ritorno, per tutto il tempo in cui i cristiani vivono nel mondo tra la morte-risurrezione di Gesù e la sua venuta nella gloria, è nella celebrazione di quel gesto del loro Maestro e Signore che i cristiani saranno plasmati come discepoli, parteciperanno alla vita stessa di Cristo, conosceranno che lui, il Signore, è con loro fino alla fine della storia.

Il giovedì santo non può dunque non celebrare questo evento anticipatore della passione di Gesù, narrazione del suo esodo da questo mondo al Padre. Ma la chiesa, significativamente, nella liturgia del giovedì santo sera, oltre a ricordare e vivere questo gesto del suo Signore come in ogni eucaristia, vive e ripete anche un altro gesto di Gesù, quello della lavanda dei piedi. Anche il quarto vangelo, infatti, ricorda "l'ultima cena di Gesù con i suoi", quella cena in cui fu svelato il traditore e annunciato il rinnegamento di Pietro e la fuga di tutti gli altri discepoli, quella cena vissuta in occasione dell'ultima pasqua di Gesù a Gerusalemme prima della sua morte.

 
 

Però, anziché narrare il segno del pane e del vino, Giovanni narra il segno della lavanda! Perché un'azione "altra", un segno "altro"?


Eppure anche il quarto evangelista conosce il racconto dell'eucaristia, la chiesa ormai da decenni celebra questo sacramento. Perché allora la memoria di quest'altro segno? Possiamo ritenere molto probabile che questa scelta del quarto vangelo sia motivata da un'urgenza avvertita nella chiesa alla fine del I secolo: la celebrazione dell'eucaristia non può essere disgiunto da una prassi coerente di agape, di amore e servizio ai fratelli, poiché proprio questo è il suo significato: dare la vita per i fratelli! L'evangelista vuole riattualizzare il messaggio dell'eucaristia ricordando che o essa è servizio reciproco, dono della vita per l'altro, amore fino all'estremo, oppure è solo un rito che appartiene alla "scena" di questo mondo. Potremmo dire che l'intenzione di Giovanni è che il sacramento dell'altare sia letto e vissuto sempre come sacramento del fratello: celebrazione eucaristica con il pane spezzato e il vino offerto e servizio concreto, quotidiano al fratello si richiamano reciprocamente come due facce della partecipazione al mistero pasquale di Cristo. Ecco allora il gesto di Gesù narrato lentamente, quasi al rallentatore, affinché resti ben impresso nella mente del discepolo di ogni tempo: Gesù depone la veste, prende un asciugamano, se lo cinge ai fianchi, versa l'acqua nel catino, lava i piedi, li asciuga, riprende la veste ...

Sono verbi di azione che rendono plasticamente l'evento della lavanda. E' un gesto che Gesù compie in piena consapevolezza: Gesù, il Kyrios, il Signore, lava i piedi ai discepoli. Gesto anomalo, gesto paradossale che capovolge i ruoli, gesto scandaloso, come testimonia la reazione di Pietro! Eppure proprio Gesù racconta, "evangelizza" Dio, nel senso che rende Dio "buona notizia" per noi.

Due azioni diverse, due mimi sacramentali, due segni che narrano la stessa realtà: Gesù offre la sua vita e, liberamente, per amore, va verso la propria morte facendosi schiavo. Per questo, come al gesto eucaristico, così anche al gesto della lavanda fa seguito il comando: "Come io ho lavato i piedi a voi, così fate anche voi". E la chiesa, se vuole essere chiesa del signore, così deve fare in obbedienza al suo mandato: spezzare il pane, offrire il vino, lavare i piedi nell'assemblea dei credenti e nella storia degli uomini.

 
da: Enzo Bianchi, Dare senso al tempo. Le feste cristiane
Edizioni Qiqajon, Comunità di Bose 2003, pg 73-76
web site official: www.suoredimariabambina.org