VIA CRUCIS: Cammino di speranza
Paolo VI



Al termine della solenne Via Crucis al Colosseo del Venerdì Santo (28 marzo 1975), papa Paolo VI riflette sul pio esercizio appena vissuto sottolineando la grandezza dell’amore di Cristo, tanto forte da amare fino a sacrificarsi, tanto misericordioso da non lasciarci indifferenti.



Ed ora […] come le Donne fedeli del Vangelo (Cfr. Matth. 27, 55-56; 61), noi dovremmo sostare e meditare; e dopo aver osservato, al di fuori, forse con gli occhi pieni di lacrime e gli animi di orrore e di spavento, la tragica e atroce storia del condannato alla croce noi dovremmo ripensarla dentro noi stessi, con le consuete e dolorose domande, che sorgono nello spirito davanti alla morte, davanti ad una Persona buona e cara, vittima della propria causa e dell’altrui crudeltà. Cioè, noi dovremmo chiedere a noi stessi il senso della Via Crucis.
Non ci sarà possibile avere risposta dal nostro solo pensiero, sempre smarrito in una simile ricerca; ma sotto la lampada della fede il quadro postumo della Via Crucis, si riempie di luce estremamente istruttiva e commovente, anche se è luce più forte del nostro occhio, la luce del mistero della croce (Cfr. 1 Cor. 1, 18). […] Chi era il Crocifisso? Noi siamo, – ahimé! – abituati alle disgrazie umane, disseminate nella storia e in ogni angolo del mondo; i monumenti funebri, ai grandi, agli eroi, ai prediletti, non eguagliano quello del sepolcro vuoto di Cristo. Chi era il Crocifisso? Era, per eccellenza, il Figlio dell’uomo, era, per sovraeccellenza, il Figlio di Dio fatto uomo! Lo ha riconosciuto perfino il Centurione, che presiedette alla esecuzione del supplizio: «Veramente costui era Figlio di Dio». Pensiero primo che dà a noi le vertigini, l’estasi ai Santi contemplatori della croce.

   
 

Ma le domande incalzano. E che cosa ha di speciale, di unico, di universale la morte di Cristo? Era ed è una morte qualificata dal più alto grado che una morte possa meritare, era un sacrificio; anzi il vero sacrificio, capace di salvare il mondo. Sì. Capitolo inesauribile della teologia e dell’antropologia. Dunque anche per noi, anche per me? Sì, ciascuno può dire: anche per me. Dunque un sacrificio umano-divino intenzionale, voluto, previsto, liberamente consumato; un sacrificio d’amore? Sì, un sacrificio d’amore; d’amore senza confronti, e senza confini. Davvero per me, davvero per noi? Sì. E allora qui nasce un sentimento di riconoscenza, di simpatia, di speranza, che sarà l’anima, ormai della mia religione cristiana, un sentimento d’amore per Cristo. Sì, Fratelli, ricordatelo! Ricordiamolo in una delle vicende, purtroppo, comuni e inevitabili della nostra vita temporale: quando la sofferenza ci prova e ci consuma; essa può essere associata alla sofferenza della croce, e acquistarne il valore; non malediciamo il dolore, non lo priviamo del valore morale e spirituale, ch’esso, unito a quello di Cristo, può rivestire.

E poi? Sulla via della croce di Cristo impariamo a conoscere, a venerare, a curare, a servire il dolore, qualunque sia, degli uomini, ormai tutti nostri fratelli. La Via Crucis è una scuola di compassione, sentimento fondamentale questo di umanità e di solidarietà, che certi sogni giganteschi di egoismo e di prepotenza volevano bandire dal cuore umano, diventato di ferro. Non così il cuore cristiano, che, in sintonia con quello di Cristo, impara a battere con quello di chi è nel bisogno, nel dolore e nella sventura.
E sia un palpito di sofferto ricordo per quanti, ancor oggi, soffrono per i conflitti bellici, politici e civili, e per tutti quelli a cui la sventura e la malattia rendono amara la vita a concludere questa Via Crucis, che vorrà continuare nella speranza della nostra redenzione e nell’esercizio della carità verso gli altri.

   





Via Crucis: vedi Pdf

 

 


da: http://www.istitutopaolovi.it/pensieri-di-paolo-vi-dettaglio-istituto-paolo-vi.asp?id=15



 

 

 

 

 

VIA CRUCIS: Servo per amore
don Tonino Bello ...continua

 

VIA CRUCIS: cammino di speranza
Paolo VI ...continua

 

QUARESIMA 2017: Signore tu ci chiami alla conversione
ITINERARIO DI PREGHIERA:
Prima parte ...continua
Seconda parte ...continua
Terza parte ...continua

 

QUARESIMA 2017: Via Crucis
Per la preghiera in famiglia ...continua

 

PREGO COME BARTOLOMEA ALL'INIZIO DEL NUOVO GIORNO Bambini di IV elementare
Gli alunni di quarta B della scuola primaria dell¦+istituto Margherita- Bari, riflettendo sulla preghiera di Bartolomea, ne ...continua

 

PREGHIERA SANTO ROSARIO
Chiediamo a Maria il dono di essere
TESTIMONI DI MISERICORDIA

+Abbiamo sempre bisogno di contemplare il mistero della misericordia...-, ma +ci sono momenti nei quali in modo ...continua

 

IL SANTO ROSARIO
In prossimit? della Beatificazione di Papa Paolo VI, ci facciamo accompagnare dalle sue parole e dai suoi inviti per rinnovare la nostra filiale devozione a Maria, Regina del Santo Rosario, e per intensificare la nostra preghiera per la Chiesa e per l'umanit? intera.

MARIALIS CULTUS, Esortazione Apostolica, 2 febbraio 1974
RECURRENS MENSIS OCTOBER; Esortazione Apostolica, 7 ottobre 1969
UDIENZA GENERALE, mercoled? 7 ottobre 1964

 

BREVE STORIA DEL ROSARIO
Lo studio della storia del rosario, necessariamente frammentario e per grandi linee, risponde ad una legittima ...continua

 

LA CATTEDRA DI UNA SINGOLARE PREGHIERA
Giovanni Paolo II
Inginocchiandomi qui, presso la grotta di Massabielle, sento con emozione di aver raggiunto la meta del mio
...continua

 

MARIA, MODELLO E GUIDA NELLA FEDE - (Lc 1,39-45)
Giovanni Paolo II
Ci accompagnano, lungo la via della croce, le La prima beatitudine riportata nel Vangelo ? quella della fede, ed ? riferita
...continua

 

LA PREGHIERA DEL ROSARIO - Breve commento alla "Lettera apostolica 'Rosarium Virginis Mariae"
Giovanni Paolo II
La preghiera del rosario ? stata definita un¦ (arte personalissima¦ anche se la sua recita avviene di solito in un contesto
...continua

 

 

 

 

sito web ufficiale: www.suoredimariabambina.org