QUARESIMA 2017:
Signore tu ci chiami alla conversione




[...continuazione]


CAMMINO DI PREGHIERA

***

…è praticare la solidarietà per la vita eterna!

 Cristo chiede di giungere tutti insieme alla vita eterna. È questa la solidarietà di fondo che giustifica tutte le altre: se non ci preoccupassimo di salvarci solidalmente, non varrebbe affatto l'imperativo, oggi tanto insistito, di praticare la solidarietà nella nostra tormentata vicenda storica. Dunque, siamo solidali per la vita eterna!
Tu, pratichi questa solidarietà? Quando sarai dinanzi a Cristo giudice, ti sarà chiesto severo conto della sorte dei fratelli che sono stati posti al tuo fianco per una compagnia di grazia prima e di gloria poi. Lo terrai a mente? Il volto di Cristo sono le persone con le quali sei collegato. Con loro sei chiamato a vivere il progetto creazionale, a compiere l'itinerario di sequela cristiana, a condividere la fatica dei giorni
.


La comunità, custodia dei fratelli
Il Vangelo attende che ogni comunità cristiana divenga luogo dell'amore e della custodia dei fratelli, che si sia capaci di salire tutti i gradi dell'accoglienza e della convivialità, che la fraternità abbia sguardi attenti e mani solidali.

Aiuta i fratelli a scendere dalla loro croce

Proponiti di non essere mai il crocifissore di un tuo fratello; piuttosto, se lo incontri mentre arranca sulla strada del Calvario, sii per lui un "buon cireneo" che l'aiuta a portare la croce; e se lo trovi già inchiodato sulla croce, ti basti la pietà per aiutarlo a discenderne.



***

……è celebrare la "penitenza"

Il Signore ti darà la pace pasquale, ma prima che essa giunga come un balsamo sulle ferite della tua vita, apriti all'esperienza del perdono: sarà la preparazione migliore alla celebrazione della penitenza.

Il sacramento della riconciliazione fa di te un perdonato, un "risuscitato"

Sì, devi muovere i tuoi passi sulla via sacramentale della penitenza: per quella strada verrà a te la grazia e saprai, con sicurezza di fede, d'essere riconciliato con Dio e con la Chiesa. Per mezzo del perdono sacramentale diverrai un "risuscitato ". Pochi altri titoli cristiani, come questo, sono capaci di dire quello che tu sei nell'ordine della grazia: sei per intero, da cima a fondo un essere di misericordia. Non trovi che, fra l'altro, è assai umano e significativo sapere quando, dove, perché, per mezzo di chi Dio ti perdona? La via sacramentale della penitenza ti dà quelle concrete indicazioni sulla tua riconciliazione con Dio e con la Chiesa. Per nessun motivo devi privarti della misteriosa opportunità di grazia che Cristo ti offre con il sacramento della pace.


   
 




   


L'uomo più alto è l'uomo in ginocchio

Mai un uomo è così degno di stima, come quando ha il coraggio di confessare: - Ho peccato. Mai un uomo è così alto nella sua statura umana e cristiana, come quando s'inginocchia, quasi spezzando in due la sua persona, dinanzi ad un sacerdote per essere perdonato. La via sacramentale della penitenza è la via della creazione, dell'incarnazione, della glorificazione: è perciò la via completa, sicura, concreta per sperimentare la carità perdonante di Cristo.

Lasciarsi perdonare
Il Padre, con la sua sorprendente misericordia, può chiudere il tuo infelice esilio di "figlio prodigo"; Cristo, col sangue della sua croce, può risanare le ferite lasciate dal peccato sulla tua anima; lo Spirito, con la sua carità senza limiti, può corrispondere in pieno alla tua vita assetata di tenerezza. T'invito, perciò, a inginocchiarti spesso, nei giorni di Quaresima, ai piedi del sacerdote per lasciarti assolvere "nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo".

***

……è lasciarsi travolgere dalla misericordia

Non creare barriere di stolta difesa intorno alla tua vita; esponiti invece con coraggio all'onda lieve e impetuosa della misericordia divina: essa "è come un torrente straripante; trascina i cuori al suo passaggio".


***

 

Signore tu ci chiami alla conversione

In questo tempo di quaresima ci chiami a convertire le nostre vite.
a convertire i nostri cuori perché si volgano a te,
a convertire il nostro essere perché si dia a te.
Per questa conversione
dobbiamo rinunciare, con tutta la nostra volontà,
al peccato che ci assilla e spesso ci seduce,
al nostro egoismo, al nostro orgoglio.
Col tuo potere divino
vieni a strapparci le radici del male;
tu hai vinto, Gesù, Satana e il suo impero:
imprimi questa vittoria profondamente in noi.
Vieni a staccare le catene
che ci tengono legati alle nostre avidità,
e libera l'amore troppo compresso in noi
dai nostri interessi, calcoli e timori.
Vieni a suscitare in noi
la generosità che dona senza contare,
la gioiosa dedizione che mai si lamenta,
l'umile offerta del cuore che si dimentica per piacerti.


 

 

 


da: dhttp://www.qumran2.net/materiale/anteprima.php?file



 

 

 

 

 

VIA CRUCIS: Servo per amore
don Tonino Bello ...continua

 

VIA CRUCIS: cammino di speranza
Paolo VI ...continua

 

QUARESIMA 2017: Signore tu ci chiami alla conversione
ITINERARIO DI PREGHIERA:
Prima parte ...continua
Seconda parte ...continua
Terza parte ...continua

 

QUARESIMA 2017: Via Crucis
Per la preghiera in famiglia ...continua

 

PREGO COME BARTOLOMEA ALL'INIZIO DEL NUOVO GIORNO Bambini di IV elementare
Gli alunni di quarta B della scuola primaria dell¦+istituto Margherita- Bari, riflettendo sulla preghiera di Bartolomea, ne ...continua

 

PREGHIERA SANTO ROSARIO
Chiediamo a Maria il dono di essere
TESTIMONI DI MISERICORDIA

+Abbiamo sempre bisogno di contemplare il mistero della misericordia...-, ma +ci sono momenti nei quali in modo ...continua

 

IL SANTO ROSARIO
In prossimit? della Beatificazione di Papa Paolo VI, ci facciamo accompagnare dalle sue parole e dai suoi inviti per rinnovare la nostra filiale devozione a Maria, Regina del Santo Rosario, e per intensificare la nostra preghiera per la Chiesa e per l'umanit? intera.

MARIALIS CULTUS, Esortazione Apostolica, 2 febbraio 1974
RECURRENS MENSIS OCTOBER; Esortazione Apostolica, 7 ottobre 1969
UDIENZA GENERALE, mercoled? 7 ottobre 1964

 

BREVE STORIA DEL ROSARIO
Lo studio della storia del rosario, necessariamente frammentario e per grandi linee, risponde ad una legittima ...continua

 

LA CATTEDRA DI UNA SINGOLARE PREGHIERA
Giovanni Paolo II
Inginocchiandomi qui, presso la grotta di Massabielle, sento con emozione di aver raggiunto la meta del mio
...continua

 

MARIA, MODELLO E GUIDA NELLA FEDE - (Lc 1,39-45)
Giovanni Paolo II
Ci accompagnano, lungo la via della croce, le La prima beatitudine riportata nel Vangelo ? quella della fede, ed ? riferita
...continua

 

LA PREGHIERA DEL ROSARIO - Breve commento alla "Lettera apostolica 'Rosarium Virginis Mariae"
Giovanni Paolo II
La preghiera del rosario ? stata definita un¦ (arte personalissima¦ anche se la sua recita avviene di solito in un contesto
...continua

 

 

 

 

sito web ufficiale: www.suoredimariabambina.org