SUSSIDI E PREGHIERE
   
  SIGNORE, IL RE GIOISCE DELLA TUA POTENZA
  Salmo 20

Io sono il Primo e l'Ultimo e il Viventee. Io ero morto, ma ora vivo per sempre, e ho potere sopra la morte e sopra gli inferi. Ap 1,17-18

Nella vittoria del re d'Israle, il popolo di Dio esulta e ringrazia per la vittoria di Cristo, vincitore del peccato e della morte, nella prospettiva della Chiesa e dell'eternità.
   
     

Signore, il re gioisce della tua potenza, 
quanto esulta per la tua salvezza! 

Hai soddisfatto il desiderio del suo cuore, 
non hai respinto il voto delle sue labbra. 

Gli vieni incontro con larghe benedizioni; 
gli poni sul capo una corona di oro fino. 

Vita ti ha chiesto, a lui l'hai concessa, 
lunghi giorni in eterno, senza fine. 

Grande è la sua gloria per la tua salvezza, 
lo avvolgi di maestà e di onore; 

lo fai oggetto di benedizione per sempre, 
lo inondi di gioia dinanzi al tuo volto. 

Perché il re confida nel Signore: 
per la fedeltà dell'Altissimo non sarà mai scosso. 

La tua mano raggiungerà ogni tuo nemico, 
la tua destra raggiungerà chiunque ti odia. 

Ne farai una fornace ardente, 
nel giorno in cui ti mostrerai: 
il Signore li consumerà nella sua ira, 
li divorerà il fuoco. 

Sterminerai dalla terra la loro prole, 
la loro stirpe di mezzo agli uomini. 

Perché hanno ordito contro di te il male, 
hanno tramato insidie, non avranno successo. 

Hai fatto loro voltare le spalle, 
contro di essi punterai il tuo arco. 

Alzati, Signore, in tutta la tua forza; 
canteremo inni alla tua potenza. 

 
   
  PREGHIAMO
O Dio, che non respingesti la preghiera di tuo Figlio, costituito re del tuo popolo, soccorri la tua Chiesa con l'abbondanza delle tue benedizioni, perché in ogni avversità esulti per la tua salvezza.
 
da: Paolino Beltrame Quattrocchi, I salmi preghiera cristiana,
XII Edizioni Benedettine, S. Agata sui due Golfi Na 2001, pg. 42-43

web site official: www.suoredimariabambina.org