SUSSIDI E PREGHIERE
   
  NEL GIORNO IN CUI TI HO INVOCATO MI HAI RISPOSTO
  Salmo 137


Siate sempre lieti, pregate incessantemente, in ogni cosa rendete grazie; questa infatti è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi ... Colui che vi chiama è fedele e farà tutto questo.
1Ts 5,16-18.24

Il salmo 137 ha tutta la spontaneità e l'entusiasmo della riconoscenza dell'umile. Una volta di più la voce del salmista è la voce del popolo di Dio, di ciascuno di noi. Dice, in modo mirabile, quel che ciascuno di noi ha detto o avrebbe voluto dire al Signore - magari solo con un moto del cuore e con l'eloquenza di un semplice sguardo - ognuna delle tante volte che egli ci ha fatto toccare con mano l'esperienza "della sua fedeltà e della sua misericordia". "Nel giorno in cui ti ho invocato mi hai risposto ... Hai accresciuto in me la forza ... Guarda verso l'umile ... In mezzo alla sventura tu mi ridoni vita ... La tua destra mi salva ...". E dalla ricchezza dell'esperienza, proclamata agli altri per quella esigenza di comunione che è propria della bontà e della gioia, il senso della fiducia si riversa sull'avvenire, unitamente alla rafforzata e serena acccettazione dei propri limiti: "Il Signore completerà in me l'opera sua", alla attestazione incondizionata della fede: "la tua bontà dura per sempre", alla rinnovata fidente preghiera: "non abbandonare l'opera delle tue mani" ... Prezioso testo di preghiera individuale e comunitaria, da tenere a portata di mano nei momenti di tentazione, di sfiducia e di scoraggiamento.
   
     

Ti rendo grazie, Signore, con tutto il cuore:
hai ascoltato le parole della mia bocca.
A te voglio cantare davanti agli angeli,
mi prostro verso il tuo tempio santo.

Rendo grazie al tuo nome
per la tua fedeltà e la tua misericordia:
hai reso la tua promessa
più grande di ogni fama.

Nel giorno in cui t'ho invocato, mi hai risposto,
hai accresciuto in me la forza.
Ti loderanno, Signore, tutti i re della terra
quando udranno le parole della tua bocca.

Canteranno le vie del Signore,
perché grande è la gloria del Signore;
eccelso è il Signore e guarda verso l'umile
ma al superbo volge lo sguardo da lontano.

Se cammino in mezzo alla sventura
tu mi ridoni vita;
contro l'ira dei miei nemici stendi la mano
e la tua destra mi salva.

Il Signore completerà per me l'opera sua.
Signore, la tua bontà dura per sempre:
non abbandonare l'opera delle tue mani.

 
   
  PREGHIAMO
S'innalzi a te, Signore, il cantico solenne del ringraziamento: la tua fedeltà e la tua misericordia hanno superato ogni promessa; completa in noi l'opera tua.
 
da: Paolino Beltrame Quattrocchi, I salmi preghiera cristiana,
XII Edizioni Benedettine, S. Agata sui due Golfi Na 2001, pg. 311-312



 
web site official: www.suoredimariabambina.org