SOLIDARIETA'CALENDARIO 2012
 
  CALENDARIO 2012
 
  SORELLE e MADRI
accanto a chi è nella sofferenza e nel bisogno
 
  Bartolomea e Vincenza si sentivano personalmente avvolte e penetrate dall'amore di Dio e perciò chiamate a trasmettere questo stesso amore ai fratelli. "Amatevi, come io vi ho amato…" è il testamento di Gesù, a cui non è mai mancata la loro risposta, che le portava a chinarsi su ogni povertà che avesse bisogno di sostegno e di conforto.
Con lo stesso spirito noi continuiamo nelle molteplici modalità di servizio la dedizione agli ammalati, agli anziani e agli emarginati, mentre nell'evoluzione della società e anche sotto le ambiguità delle apparenze, cerchiamo di scoprire i veri poveri e i loro bisogni più profondi.
Mediante la solidarietà umana e la competenza del servizio, facciamo in modo che essi ritrovino il senso della vita, siano restituiti alla dignità di persone, resi capaci di valorizzare cristianamente la stessa condizione di sofferenza.

Siamo presenti:
- negli ospedali, nelle cliniche e nelle case di riposo per anziani,
  attraverso il servizio professionale e la pastorale sanitaria
- nei lebbrosari e nei dispensari
- nei centri di assistenza per malati di TBC e AIDS
- nei centri di assistenza per minorati fisici e psichici
- nelle famiglie e nei villaggi attraverso il servizio medico-infermieristico
- nei centri di pronto intervento
- nei centri di ascolto e di accoglienza,
  principalmente per donne in difficoltà e per gli stranieri
- nelle mense dei poveri

   
gennaio - NAZARETH - Israele
Holy Family Hospital
L'ospedale, aperto a Nazareth sotto forma di ambulatorio nel 1882 per iniziativa dell'Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Dio (conosciuto come "Fatebenefratelli"), ha una lunga storia di assistenza offerta a tutti senza discriminazioni, in una zona segnata dal perenne conflitto arabo-israeliano. La capienza attuale supera i 300 letti e copre ogni genere di specialità. Una comunità di Suore di Maria Bambina vi ha preso servizio nel settembre 1984, su richiesta dei responsabili generali dell'Ordine a cui la nostra Congregazione fu lieta di rispondere, considerando grazia particolare la possibilità di una nostra presenza nella "città di Maria". Come al primo inizio, la comunità è tuttora formata da dieci suore, di cui otto provenienti dall'India e due dall'Italia.
 
   
febbraio - DIBRUGARH - India
Mercy Home – ospedale con dipartimento psichiatrico.
L'ospedale ha una lunga storia che risale all'anno 1933, quando una comunità di Suore di Maria Bambina prese servizio presso una esistente struttura pubblica, tanto malamente gestita che i 120 letti disponibili si dice venissero occupati a stento in occasione della visita del governatore. La presenza delle suore vi portò un radicale miglioramento e l'ospedale si trasformò in ospedale militare durante la guerra 1939-1945, quando si aprì ad accogliere i profughi dalla Birmania occupata dai giapponesi. Nell'anno 1947 vi fu aperto un reparto maternità insieme alla scuola per allieve infermiere. L'apertura di un reparto di psichiatria risale al 1970. Attualmente l'ospedale prosegue la sua consolidata missione con la presenza di una comunità di ventidue suore, professionalmente ben preparate ad occupare posti chiave nella sua gestione. Tra di loro una suora con la qualifica di medico.
 
   
marzo - RIMINI - Italia
Istituto Maccolini – casa di riposo.
Nato nell'ottobre 1900 a Rimini, ad opera di alcuni sacerdoti e di un gruppo di signore dedite alla carità, l'Istituto Maccolini (dal nome di Anna Maccolini che fu l'anima dell'opera) si era posto al servizio delle "vecchie abbandonate della città", leggendo con coraggio un bisogno emergente della società di quel tempo. Le Suore di Maria Bambina erano in servizio allora presso il Seminario di Rimini e fu per questa presenza che si intrecciarono quasi subito le strade della loro carità con quelle di Anna Maccolini, che nel 1909 ottenne che una loro comunità si stabilisse all'interno dell'opera per condividerne gli intenti e le fatiche. Una presenza che continua dopo più di cento anni, per un dono di Carità offerto, come agli inizi, attraverso una illuminata collaborazione con persone e forze laiche.
 
   
aprile - LIMA - Perù
Ambulatorio medico "Maria Bambina"
L'ambulatorio, nato nel dicembre 1992 per il servizio agli ammalati in una delle zone più povere della capitale peruviana, vede attualmente la presenza di due suore infermiere inserite nella comunità che risiede nel centro di Lima per la collaborazione al ministero pastorale nella Parrocchia dedicata alla Natività di Maria. Potendo contare sulla collaborazione di alcuni medici, diventa un punto di riferimento per coloro che non potrebbero diversamente ottenere assistenza e cure, specialmente nei casi in cui l'ambulatorio può diventare per loro strada all'accesso ad un ospedale.
 
   
 
   
luglio - CHILIMPUR - India
St.Joseph's Hospital
La fondazione del St.Joseph's Hospital risale al maggio dell'anno 1963, con l'apertura di un dispensario che intendeva portare un qualificato servizio di assistenza medica in una zona poverissima, abitata in maggioranza da cristiani. A quasi cinquant'anni di distanza, l'ospedale è diventato punto di riferimento per tutto il distretto circostante, suddiviso in un centinaio di villaggi e abitato da persone molto povere e in gran parte analfabete. Tra di loro è molto diffusa la TBC, per motivi igienici e per il particolare contesto lavorativo (silicosi, bronchite cronica, enfisema, asma bronchiale). La comunità è composta da nove suore di cui una con la qualifica di medico.
 
   
agosto - CALICUT - India
St.Vincent's Home – centro di riabilitazione
La nascita del complesso risale all'anno 1923, qualificato all'inizio come orfanotrofio. L'attività delle suore si estese subito, tuttavia, all'assistenza degli ammalati nei villaggi circostanti che le stesse andavano a visitare di capanna in capanna portando medicine e conforto. Attualmente la comunità è costituita a diciotto suore, il cui servizio è risposta ai più disparati bisogni di ragazze, vedove, orfani, famiglie in difficoltà. Si vuole evidenziare qui la "foundling home", casa dove vengono accolti e assistiti bambini abbandonati, bisognosi di cure anche fisiche.
 
   
settembre - MUNDGOD - India
Centro si assistenza sanitaria "Joty"
La fondazione del centro risale all'anno 1980 con lo scopo di portare la presenza di Cristo, attraverso donne dedicate alla preghiera e al servizio dei poveri e dei sofferenti, in una zona abitata principalmente da induisti e mussulmani. Si trattava del cosiddetto "apostolate of healing" (apostolato di guarigione) a cui fa capo oggi un centro di assistenza sanitaria che, insieme ad altri servizi offerti nel vasto complesso, occupa una comunità di nove suore, tra cui una con la qualifica di medico.
 
   
ottobre - KYAINGE TONG - Myanmar
Holy Redeemer's Home – lebbrosario.
Il complesso definito "State Leper Colony" di Kentung (oggi Kyainge Tong) si era costituito nell'anno 1940 dalla fusione di due strutture statali ugualmente a servizio degli ammalati di lebbra, l'una iniziata nel 1925 e l'altra nel 1935. Il risultato fu disastroso. Era l'anno successivo all'inizio della seconda guerra mondiale e se ne sentivano gli effetti anche in Birmania (il Myanmar di oggi). Dei trecento pazienti presenti nella colonia, molti scapparono per ritornare nei loro villaggi, si perse ogni principio di disciplina, si moltiplicarono gli assalti alla colonia stessa. Nel 1945 due suore di Maria Bambina furono chiamate a collaborare al tentativo di rimetterla in ordine e nel 1946 Padre Cesare Colombo, missionario del PIME, vi fu assegnato come sovrintendente. Di fatto, lo "State Leper Colony" divenne una missione cattolica, sostenuta dalla carità della Chiesa, dentro e fuori del paese. Attualmente, mentre la piaga della lebbra è in buona parte sconfitta, una comunità di sette suore vi continua il suo generoso servizio.
 
   
 
 
Questa edizione 2012 del nostro calendario vuole rendere evidente,
in modo tutto particolare,
come la nostra carità
voglia e debba essere
partecipazione e continuazione
della carità di Gesù
che è passato fra gli uomini
"facendo del bene".
Per questo abbiamo scelto per ogni mese una immagine che lo rappresenti nel suo chinarsi sul bisogno e sul dolore dell'uomo con lo spessore umano della sua carità.

 
 

 
 
maggio - VENEZIA - Italia
Casa San Giuseppe – mensa dei poveri.
Nata con tale scopo nell'anno 1952, la Casa offre ogni giorno un "servizio pranzo" per i poveri della città, come alcoolisti, ex-carcerati, malati di mente, tossicodipendenti, malati sieropositivi, anziani soli e senza casa, disoccupati. Attualmente la mensa è frequentata pure da un buon numero di persone di altre culture e di varie religioni, soprattutto dei paesi dell'Est Europa e del Nordafrica. Il servizio mensa è garantito tutto l'anno e la frequenza giornaliera si attesta su una media di 30/40 ospiti. Una comunità di dieci Suore di Maria Bambina, coadiuvate da un buon numero di volontari, provvede alla preparazione e al servizio dei pasti, oltre che ad altre forme di assistenza di carattere igienico-sanitario.
 
giugno - KULNA - Bangladesh
Centro di assistenza "Santa Maria"
La comunità in servizio al "Santa Maria" è stata costituita nel 1996. Il centro era nato per iniziativa dei Padri Saveriani e con il sostegno del Vescovo locale, avendo garantito la presenza di alcuni gruppi di medici volontari italiani che ogni anno, per un periodo di tre/quattro mesi, offrivano in turni il loro generoso servizio, principalmente in risposta alla necessità di interventi chirurgici. Attualmente, mentre la collaborazione dei medici italiani non è mai venuta meno, sono le Suore di Maria Bambina che assicurano il funzionamento del Centro per tutto l'anno, attraverso l'opera di cinque suore totalmente dedicate ai più poveri e bisognosi di ogni genere di assistenza.
 
 
novembre - GHORBANDA - Nepal
Ddispensario "Jeevan Jyoti"
Ghorbanda è un piccolo villaggio nel centro-nord del Nepal, popolato da gente poverissima e analfabeta nella sua quasi totalità. La scarsità di acqua nel villaggio contribuisce a una generalizzata mancanza di igiene, con il proliferare di malattie, specialmente tra mamme e bambini. In questa drammatica situazione si è inserita nel 2003 una piccola comunità di Suore di Maria Bambina (che risultano essere la sola presenza cattolica nel villaggio interamente induista), il cui servizio è principalmente di carattere igienico-sanitario, attraverso la conduzione di un dispensario in cui vengono trattate malattie di minore entità, con adeguati interventi in casi di emergenza. Si tengono anche programmi di istruzione finalizzati a dare gli elementi fondamentali di igiene e di sanità.
 
dicembre - CHIRUNDU - Zambia
Mtendere Mission Hospital
L'ospedale è stato fondato più di trent'anni fa dalla Diocesi di Milano ed è gestito da personale missionario e volontario italiano (oltre che locale) sostenuto da una comunità di dieci suore di Maria Bambina, tra cui cinque suore infermiere e due suore medico. L'ospedale ha la capienza di 145 posti letto e offre la sua assistenza soprattutto a malati di AIDS appartenenti principalmente alla popolazione del distretto che è di 60.000 abitanti su un raggio di circa 80 km. Numerosi sono, tuttavia i pazienti che provengono da altri distretti sanitari e dalla stessa capitale. Alla comunità dell'ospedale fa riferimento anche il cosiddetto "Villaggio della Vita" che si prende cura di bambini resi orfani dal flagello dell'AIDS particolarmente diffuso nella zona.








web site official: www.suoredimariabambina.org