INDIA - PROVINCIA DI DHARWAD - DHARWAD


FESTA DELLA DONNA IN CARCERE

II 15 marzo è stato un giorno memorabile per le detenute del carcere centrale di Dharwad: i volontari delle varie chiese cristiane hanno celebrato una giornata per loro.
L’ospite principale e tutti gli altri hanno acceso la lampada indiana come invito alle donne detenute perché, come la loro vita è stata illuminata da altre persone, così anche loro possano illuminare la vita degli altri, diffondendo attorno a sé la speranza e l’amore.
L’ospite principale, la signora Dhanalakshmi, giudice civile supplementare e giudice magistrato del tribunale per la famiglia di Dharwad, ha espresso la sua soddisfazione nel vedere che le detenute sono oggetto di cura da parte della Soprintendenza di questa prigione; ha detto che il governo e le ONG le stanno aiutando a difendere i loro diritti fornendo avvocati statali e sviluppando le loro capacità lavorative (confezionare borse, fare lavoretti, preparare generi alimentari) per poter essere autosufficienti; ha apprezzato i loro manufatti esposti e le ha incoraggiate a continuare.

Il presidente, P. S. Ramesh, sovrintendente del carcere centrale, ha detto che le donne detenute hanno più responsabilità rispetto agli uomini perché devono educare i figli. L’ospite d’onore, avvocato Prafulla Naik, ha parlato dello sfruttamento e delle violenze alle donne e perfino alle bambine, di fronte ai quali le donne dovrebbero reagire con coraggio.
La signora B. Usha, del Distretto dell’Unità per la protezione dei bambini, ha sottolineato che, anche se è stata celebrata la festa internazionale della donna per 105 anni, non ci sono stati molti cambiamenti nella loro vita: il 20% delle bambine sono private dell’istruzione primaria, l’aborto del feto femminile continua... È questo il valore che diamo alla donna? La signora Poorinma Gouroji, medico e membro del Comitato della promozione dei bambini, ha parlato della salute e dell’igiene dicendo che l’assunzione della droga e del tabacco è nociva, mentre è assolutamente necessaria una sana alimentazione.

I volontari di una scuola hanno organizzato giochi, gare e le vincitrici sono state premiate. Le detenute hanno cantato una canzone popolare, hanno messo in scena i vari ruoli della donna in famiglia e due di loro hanno condiviso la loro esperienza e il cambiamento avvenuto nella loro vita in carcere. Dopo sincere parole di ringraziamento, la giornata si è conclusa con uno spuntino per tutti.


 

 


MUMBAI

TEMPO DI GRAZIA


Dio, nostro Padre, nella suo amore infinito e nella sua misericordia ci ha uniti a sé nel suo Figlio Gesù anche mediante la ‘Missione’ parrocchiale, tenuta dai padri Redentoristi nella nostra parrocchia «Sacred Heart» a Worli, dal 15 al 21 marzo. È stato un invito forte, una chiamata del Signore alla conversione, in questo tempo di Quaresima, per tutti i parrocchiani e per noi, suore di carità presenti nelle due comunità di «Family Care Centre» e «Yuvathi Sharan». Il Signore Gesù ci ha visitati in forma speciale, durante questa ‘Missione’, dandoci la grazia di accoglierlo con cuore aperto e di ascoltare la sua parola in modo attento e profondo. La Bibbia, con i suoi 73 libri, è e sarà la biblioteca della nostra vita, e la parola di Dio è e sarà sempre la guida del nostro cammino.

La Celebrazione eucaristica, la via Crucis, le interessanti omelie, le conferenze, le confessioni, la direzione spirituale, la visita alle famiglie della parrocchia sono stati per tutti uno stimolo a vivere una vita autentica, radicata in Gesù, che ci ha portato la salvezza con la sua passione, morte e risurrezione. La croce ci dà la consapevolezza di essere cristiani; la croce è la nostra vittoria. Durante la ‘Missione’ lo Spirito Santo ci ha aperto i cuori e le menti sollecitandoci alla comunione con Dio, Uno e Trino, e spronandoci a cambiare quegli spazi sociali in cui egli chiede una trasformazione per vivificare la nostra comunità parrocchiale. «Io sono venuto perché abbiate la vita», dice Gesù.


Abbiamo sperimentato la vicinanza di Maria, nostra Madre, che ci ha accompagnati lungo il percorso spirituale intercedendo per noi, perché possiamo imitare Gesù nel compiere la volontà del Padre.
 

 

 

 

 

 

 

 

 

sito web ufficiale: www.suoredimariabambina.org