DAL MONDO
   
 

SEVESO - Italia

«CHI SEGUE GESU' DEVE METTERSI SEMPRE IN MARCIA"


Il saluto alle suore che a settembre lasceranno la comunità di Seveso.


ANNI DI AMOREVOLE SERVIZIO

«La vita è una strada, partire. Da quando si nasce sempre bisogna partire, uscire dal presente, protendersi verso l’avvenire. Camminare, non ci si può fermare perché l’esistenza prosegue». Con queste bellissime parole, affidate alla semplicità di un biglietto, lo scorso giugno suor Francesca Villa e suor Camilla Sala, sorelle della Comunità di Maria Bambina presenti a Seveso, hanno salutato noi tutti seminaristi della Comunità Propedeutica e del Biennio Teologico, dopo lunghi anni di amorevole e incondizionato servizio, a seguito della decisione dei superiori dell’istituto religioso di interrompere la collaborazione con il Seminario di Milano, anche a causa della sempre più preoccupante riduzione delle vocazioni.

In tre occasioni la comunità di Seveso si è prodigata per salutare e ringraziare le suore per la loro presenza, innanzitutto durante la Santa Messa mattutina di sabato 18 maggio, memoria liturgica delle sante fondatrici dell’istituto, Bartolomea Capitanio e Vincenza Gerosa, che da anni tradizionalmente è l’occasione per i seminaristi di vivere l’Eucaristia quotidiana con le suore, le quali in questa celebrazione rinnovano le loro promesse al Signore.

Seconda occasione è stata la celebrazione eucaristica di domenica 2 giugno in Santuario, con la presenza dei fedeli della città di Seveso, durante la quale il nostro prorettore, don Luigi Panighetti, ha rivolto un pensiero particolare per ringraziare le suore, le quali si sono congedate anche dalla gente del paese con un pensiero sentito, culminato con il coinvolgente canto O amore ineffabile, basato su una lettera di Santa Caterina da Siena, interpretato dal coro dei seminaristi.



LA MESSA DI FINE ANNO

 

Davvero emozionante, poi, è stata la Messa per la fine dell’anno seminaristico, celebrata venerdì 7 giugno in cappella, con la partecipazione di tutti noi seminaristi, degli educatori del Biennio e del personale di servizio, alla presenza della Madre provinciale della Comunità di Maria Bambina e di altre suore dell’istituto, convenute per salutare per l’ultima volta e ringraziare le nostre due suore del loro servizio al Seminario.

In questa celebrazione, non priva di qualche lacrima e scroscianti applausi, la comunità di Seveso per l’ultima volta riunita prima della diaspora conseguente agli impegni estivi e a strade diverse, ha potuto stringersi attorno alle due sorelle, le quali sono state omaggiate di una cornice in argento con al centro la foto di tutti i seminaristi.

Al termine della Messa suor Francesca, di cui è nota la loquacità, spesso contrapposta alla silenziosità di suor Camilla, ha preso la parola per salutare tutti i presenti e, richiamando ancora una volta la metafora della vita come strada, ha detto: «Chi segue Gesù deve mettersi sempre in marcia».

I festeggiamenti sono proseguiti con una cena fraterna tra chiacchiere e risate, culminata con il regalo da parte delle suore di un libro agli educatori e del portachiavi recante l’effigie delle Sante fondatrici a tutti i seminaristi e al personale.

Questi bei momenti sono stati per noi importanti per ringraziare davvero suor Francesca e suor Camilla della loro preziosa presenza sempre discreta e attenta alle esigenze della comunità, dall’infermeria al guardaroba.
Grande è la testimonianza di fede che hanno regalato al cammino personale di ciascuno, attraverso l’esempio concreto di come una vita di totale donazione al Signore sia dettata da una silente e costante preghiera nella forma della partecipazione all’Eucaristia, celebrata e adorata quotidianamente, e da una carità senza limiti.

 

 

Auguriamo alle nostre suore tutto il bene per il loro futuro perché, anche se lontane, continuino a vegliare sul Seminario con la preghiera e a servire il Signore con costanza e grande volontà, come ci hanno sempre testimoniato, consapevoli che noi faremo lo stesso per loro.

«Tu, o Signore, mi basti, con te ricomincio da capo», che queste splendide parole di mons. Luigi Serenthà, musicate in un brano eseguito durante l’ultima Messa come dono di ringraziamento alle suore, siano vere per le nostre care sorelle, le quali avranno la forza di ricominciare ancora una volta da capo, perché tutto ciò che basta loro è la fede nel Signore, che mai ci abbandona e mai ci fa sentire realmente soli.


Davide Brambilla, II teologia




web site official: www.suoredimariabambina.org